Array ( [0] => 36 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Multa record UE di 3 miliardi per cartello camion


    È la multa per un cartello dei prezzi più alta nella storia dell'Unione Europea: 2.926.499.000 euro, che comprende anche uno "sconto" per la collaborazione durante l'inchiesta. Il solo Gruppo Daimler, che produce in Europa i camion Mercedes-Benz, dovrà pagare una multa di un miliardo di euro (più precisamente 1.008.766.000 euro), pur beneficiando di una riduzione del 30% per Leniency Notice e del 10% per Settlement Notice. Seguono Daf Trucks, con una sanzione di 752.679.000 (beneficiando solo di una riduzione del 10% per Settlement Notice), Volvo Trucks e Renault Trucks, considerati insieme, con 670.448.000 euro (riduzioni di 40% per Leniency Notice e 10% per Settlement Notice) e Iveco, con "soli" 494.606.000 euro (e sconto del 10% per entrambe le voci).
    Dalla mega-multa si salva per ora solamente il Gruppo Volkswagen, che nella produzione dei veicoli industriali ha due marchi, entrambi acquisti dopo gli eventi che hanno causato la sanzione: Scania, che è ancora sotto indagine, e Man Trucks, che ha vi partecipato ma, avendolo denunciato per prima il cartello, ottiene una grazia completa sotto forma di Leniency Notice e non deve quindi versare un euro (altrimenti avrebbe subito la sanzione più pesante, pari a 1,2 miliardi). Una buona notizia per il gruppo automobilistico tedesco, che sta affrontando le pesanti conseguenze finanziarie del dieselgate sulle autovetture.
    La sanzione riguarda comportamenti di mercato attuati dai costruttori per quattordici anni, ossia dal 1997 al 2011 nella vendita dei veicoli della gamma media e pesante (ossia con massa complessiva superiore a sei tonnellate). Secondo la Commissione Europea, le Case avrebbero attuato accordi per coordinare i prezzi a livello di fabbrica nei Paesi dell'Area Economica Europea. Questi prezzi sono la base per i listini elaborati sul mercato, che possono variare a livello locale.
    La seconda accusa che giustifica per Bruxelles l'entità della sanzione riguarda i tempi e le modalità d'introduzione delle tecnologie per rispettare le norme anti-inquinamento, dall'Euro 3 in poi. In particolare, i costruttori hanno concordato tempi e modalità per trasferire ai clienti i costi dello sviluppo di tali tecnologie, evitando quindi una concorrenza anche in questo caso.
    La Commissione spiega che dal 1997 al 2004 si sono svolti incontri a livello di dirigenti superiori, spesso durante Saloni o altri eventi dove partecipavano i vari marchi, integrati con conversazioni telefoniche. Dal 2004, il cartello è stato gestito dalle filiali tedesche dei costruttori, con scambio di documentazione elettronica. Durante i quattordici anni, le discussioni tra i vertici delle società hanno riguardato gli aumenti dei prezzi di fabbrica, i tempi per l'introduzione delle nuove tecnologie anti-inquinamento e le modalità per trasferire i loro costi ai clienti.
    Nel novembre del 2014, i costruttori hanno presentato la loro difesa, per mezzo di Statement of Objections e in tale periodo è stata aperta l'indagine anche nei confronti di Scania, che non è stata per ora interessata dalle sanzioni. Però, precisa la Commissione Europea, l'indagine continuerà solo nei suoi confronti. La Commissione precisa che in tutti i casi l'indagine non riguarda manipolazioni sulle emissioni ambientali.
    La Commissaria alla Concorrenza dell'Unione Europea, Margrethe Vestager, ha dichiarato che: "Oggi abbiamo dato un segnale importante imponendo una multa record per una violazione molto seria. Sulle strade europee viaggiano trenta milioni di veicoli industriali, che trasportano circa tre quarti delle merci e svolgo un ruolo vitale nell'economia comunitaria. Non è accettabile che Man, Volvo-Renault, Daimler, Iveco e Daf, che insieme producono nove veicoli su dieci in circolazione in Europa, abbiamo fatto parte di un cartello invece di competere tra loro. Questo è un chiaro messaggio alle società che non sono ammessi cartelli".
    Ma la vicenda può non finire qua, perché la Direttiva sui danni entrata in vigore il 27 dicembre 2016 agevola le cause per risarcimento danni causati dalla violazione di norme comunitarie sulla concorrenza. Quindi, nei prossimi anni gli acquirenti dei veicoli industriali potranno avviare azioni legali risarcitorie. Per ora, però, nessun Paese ha completamente adottato nella propria legislazione tale Direttiva.

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata
    Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Teleroute affronta il futuro con un fermo impegno sulla sicurezza
    Accordo tra Astre Italia e Keepintouch sui servizi alle flotte
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

  • Grimaldi acquista traghetti e terminal in Spagna

    Grimaldi acquista traghetti e terminal in Spagna

    Il gruppo armatoriale napoletano Grimaldi potenzia la sua presenza in Spagna tramite l’acquisto dalla Naviera Armas Trasmediterránea di cinque traghetti e due terminal portuali a Barcellona e Valencia.

TECNICA

Bruxelles studia la cybersicurezza nei veicoli autonomi

TECNICA

Alleanza tra Iveco e Plus per il camion autonomo

TECNICA

Aggancio automatico del semirimorchio di Jost

TECNICA

K44 Tecno: al volante (virtuale) del nuovo Renault Trucks T

TECNICA

Boston Dynamics presenta un robot per caricare i camion
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Amazon aprirà tre logistiche in Veneto

LOGISTICA

Prefetto di Piacenza chiede Tavolo governativo su FedEx

LOGISTICA

Deutsche Post stanzia sette miliardi nella logistica sostenibile

LOGISTICA

Il profilo di chi cerca lavoro nella logistica

LOGISTICA

Prosegue lo sciopero SiCobas alla FedEx
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

Camionisti esonerati dal tampone Covid tra GB e Francia

BREXIT

La Brexit svuota l’export britannico

BREXIT

Eurotunnel offre lo sdoganamento digitale

BREXIT

Nuovo quadro giuridico per eTir dal 25 maggio

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Bosch produrrà microprocessori per veicoli in Germania

CAMIONSFERA

Dimezzato il potenziamento della ferrovia di Capodistria

CAMIONSFERA

Camionisti scioperano nei Paesi Bassi per aumento salario

CAMIONSFERA

Parte il bando per la galleria del Verghereto sull’E45

CAMIONSFERA

Ancora ritardi nelle consegne di camion in Europa e Usa

CAMIONSFERA

Piano di sorveglianza ministeriale per le gallerie

CAMIONSFERA

K44 podcast: come funziona l’assistenza 24h dei camion

CAMIONSFERA

Assolti due dirigenti Michelin per incidente a camionista

CAMIONSFERA

Bando per formazione autisti container

CAMIONSFERA

La Francia rifinanzia e rilancia la Torino-Lione

CAMIONSFERA

Ferrovie tedesche in contropiede sulla frana del Reno

CAMIONSFERA

Il Canale di Suez sta potenziando la sicurezza della navigazione

CAMIONSFERA

Il raddoppio della ferrovia adriatica fa solo un mezzo passo

CAMIONSFERA

Progetto di nuovo canale tra Mar Rosso e Mediterraneo

CAMIONSFERA

Libera circolazione dei camion per tutto aprile
previous arrow
next arrow
Slider