Array ( [0] => 36 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Immatricolazioni camion calano del 7,5% nel 2019

Il pesante calo delle immatricolazioni dei veicoli industriali con massa complessiva sopra 3,5 tonnellate nel 2019 annunciato dall'Unrae non ha sorpreso né l'associazione dei costruttori stranieri, né gli altri analisti del settore, perché l'anno è iniziato in rosso a gennaio (-7,9%) ed è continuato così, con punte del -28% a luglio e -24% ad agosto. L'unico picco positivo delle immatricolazioni si è registrato a maggio e giugno, rispettivamente con +12,3% e +33%, ma questa anomalia si spiega facilmente: a entrato in vigore l'obbligo del cronotachigrafo digitale di nuova generazione, che fornisce maggiori informazioni ed è più difficile da manomettere. Quindi molte imprese hanno anticipato gli acquisti per avere ancora la precedente generazione (bisogna tenere conto del ritardo della rilevazione statistica rispetto alle effettive immatricolazioni).
Complessivamente, nel 2019 sono stati immatricolati in Italia 23.652 veicoli sopra le 3,5 tonnellate, contro i 25.580 dell'anno precedente, e se restringiamo l'analisi ai veicoli più pesanti, con massa complessiva uguale o superiore a 16 tonnellate, le rilevazioni mostrano 18.962 immatricolazioni (-7,9%). E la situazione non dovrebbe migliorare quest'anno, come spiega il presidente della Sezione veicoli industriali dell'Unrae, Franco Fenoglio:"il mercato dei veicoli industriali è in continua contrazione. È una situazione estremamente allarmante che si protrae da tutto il secondo semestre del 2019 e che temiamo possa proseguire senza sosta nei prossimi mesi".
Il problema non riguarda solo i produttori e i venditori di veicoli, aggiunge Fenoglio: "Il parco circolante continua così a invecchiare, con pesanti ricadute sul fronte della sicurezza e della sostenibilità del sistema trasporto del nostro Paese. Guardando al futuro le prospettive per il 2020 sono estremamente preoccupanti: non esiste alcun progetto concreto e duraturo che consenta di avvicinare gli obiettivi di sostenibilità ambientale sempre più ambiziosi che vengono affermati nelle dichiarazioni generali di principio. L'esito deludente del COP 25 di Madrid è una dimostrazione della indecisione nella quale versano i leader mondiali, che sembrano incapaci di elaborare una strategia comune - e perciò vincente - per affrontare con qualche risultato concreto le questioni ambientali".
L'Unrae chiede da tempo incentivi sostanziosi per rinnovare il parco dei veicoli industriali: " Per troppo tempo – conclude Fenoglio - nel nostro Paese in particolare, si sono distribuite a pioggia - disperdendole colpevolmente - risorse che avrebbero potuto, se fossero state impiegate nell'ambito di un indirizzo politico accorto, avviare uno sviluppo virtuoso del sistema logistico e in particolare di quella che oggi è la sua componente più delicata: quella dell'autotrasporto".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.