Array ( [0] => 36 )

Primo piano

  • Come chiedere gli incentivi per acquisto camion nel 2020 e 2021

    Come chiedere gli incentivi per acquisto camion nel 2020 e 2021

    La Gazzetta Ufficiale numero 206 del 19 agosto 2020 ha pubblicato il Decreto del ministero dei Trasporti del 7 agosto 2020 che stabilisce tempi e modi per ottenere i contributi per l’acquisito di veicoli industriali a basso impatto ambientale e gli equipaggiamenti per il trasporto intermodale nel biennio 2020-2021.

Podcast K44

Normativa

Guerra tra Nikola e Tesla sul camion elettrico

Tesla e Nikola sono i due costruttori di veicoli industriali elettrici (per ora solo in forma di prototipo in entrambi i casi) che si stanno contendendo il mercato statunitense ed europeo a colpi di pre-ordini. Le due società sono quindi in competizione diretta su un mercato che potrebbe imporsi nei prossimi anni. Una competizione che però dal mercato si sta spostando in Tribunale sulla paternità del design del camion. La racconta un articolo pubblicato dal Financial Time il 26 settembre 2020, secondo cui Nikola ha intentato causa a Tesla per avere violato il progetto del Nikola One, chiedendo un risarcimento di due miliardi di dollari.

Secondo il fondatore di Nikola, Trevor Milton, egli avrebbe cominciato personalmente a progettare il camion nel 2013, facendolo poi sviluppare da Steve Jennes nel 2015, mentre Tesla sostiene che ha acquistato i progetti dal designer croato Adriano Mudri, che nel 2015 sviluppò il progetto Road Runner per la società Rimac, e che quindi il concorrente non ha diritto alla proprietà intellettuale. Per ora sia Mudri, sia la Rimac non commentano la questione.

Ma questa non è l’unica polemica sulla progettazione del camion che sta investendo la Nikola. Nelle corse settimane l’azienda è stata accusata di avere spacciato come proprie alcune tecnologie applicate sui suoi veicoli, che in realtà proverrebbero da fornitori esterni e di avere coperto i nomi di tali fornitori dalle fiancate dei veicoli quando ha realizzato video promozionali. Nikola ha replicato di non avere mai dichiarato che tali tecnologie fossero state sviluppate in casa e che è normale far sviluppare parti di un progetto a terzi. Ma queste accuse hanno causato un forte calo della azioni di Nikola e le conseguenti dimissioni di Milton da presidente esecutivo “per difendersi meglio”. È stato sostituito da Stephen Girsky (ex vice-presidente di General Motors e azionista di Nikola).

Nikola è anche accusata da un rapporto di Hindenburg Research di avere diffuso informazioni fuorvianti ed esagerate sullo sviluppo del camion elettrico e su tali accuse stanno indagando la Sec (l’Agenzia statunitense che controlla le operazioni in Bosa) e il Dipartimento di Giustizia. In particolare, Hindenburg afferma che il prototipo del camion a idrogeno non contiene tecnologie di celle a combustibile e che l’esemplare mostrato in un video viaggiava per forza di gravità, dopo essere stato trainato in cima a una salita.

Pochi giorni prima della pubblicazione del rapporto di Hindenburg Research, la General Motors aveva annunciato l’acquisto dell’11% delle azioni Nikola e un accordo di collaborazione per produrre pick-up elettrici alimentati a idrogeno. In particolare, Nikola potrà usare la batteria al litio Ultium e le celle a combustibile Hydrotec, entrambe sviluppate da General Motors. Ricordiamo che nell’ambito dei veicoli industriali, Nikola ha un accordo con Cnh Industrial (Iveco), di cui ha acquisito il 7,11% delle azioni. Suzanne Heywood, presidente e Ceo pro tempore di Cnh Industrial, ha ribadito la fiducia sulla collaborazione con Nikola.

Se Nikola piange, tesla non ride. Anche il suo fondatore, Elon Musk, è stato investito negli ultimi anni da forti polemiche, spesso indirizzate sulla capacità produttive dell’azienda (che per ora produce solo autovetture elettriche). Anche la sua impresa ha subito all’inizio di settembre un forte calo in Borsa, dopo la notizia dell’esclusione dall’indice S&P500 e dell’accordo tra GM e Nikola. E forse è in tale clima d’incertezza (almeno per la produzione di veicoli industriali) che è maturata la causa tra le due società.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

  bottone newsletter piccolo Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 

 

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Minicontainer Krone per la logistica urbana

    Il costruttore tedesco Krone presenta una piccola unità di carico che si può trasportare con veicoli da 3,5 tonnellate, destinata alla distribuzione nell'ultimo miglio in ambito urbano.

Logistica

  • Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Fs studia i treni a idrogeno, dubbi in Germania

    Il Gruppo ferrovie dello Stato sta valutando l’idrogeno come alimentazione alternativa al gasolio nei locomotori che non si possono collegare alla rete elettrica. Firmato un protocollo di ricerca con Snam.

Mare

  • DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    DB Schenker scende dalle portacontainer di Maersk

    Lo spedizioniere tedesco DB Schenker starebbe lasciando le portacontainer di Maersk perché considera la compagnia marittima danese più un concorrente che un fornitore di servizi, dopo che ha integrato Damco nella sua struttura. Potrebbe essere l'inizio di una tendenza.