Array ( [0] => 36 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Frenano a giugno i veicoli commerciali


In Italia è un mercato a due velocità: a giugno i pesanti crescono e i commerciali entro le 3,5 tonnellate calano. Secondo le rilevazioni dell'Unrae, a metà 2018 il mercato dei veicoli commerciali si attesta sui livelli del 2017, in crescita dopo tanti anni bui. Quindi con un inizio positivo, a doppia cifra, a gennaio, per registrare un continuo calo da febbraio che fa segnare un -0,1 per cento in generale, con 89.916 veicoli commerciali immatricolati, mentre un anno fa furono 90.044. Giugno segna 15.880 immatricolazioni di veicoli nuovi, in calo del 4,3 per cento rispetto ai 16.592 di giugno 2017. Ora si prevede che alla fine dell'anno in corso i veicoli leggeri da lavoro toccheranno le 196.000 unità (+1 per cento).
Negli anni scorsi i sostegni fiscali come il super-ammortamento e la Nuova Sabatini avevano offerto molto ossigeno alla categoria e gli operatori sperano che il nuovo governo confermi gli ulteriori sgravi per il settore e nei prossimi sei mesi il mercato cresca di qualche punto percentuale. Ma i dubbi sono tanti. Una certezza, invece, è offerta dall'analisi per alimentazione dei mezzi venduti, che conferma la consueta predominanza del diesel, che rappresenta quasi il 93 per cento delle vendite, come lo scorso anno. Ottima la prestazione del metano (+15,2 per cento) e degli ibridi diesel-elettrico (+62,4), mentre ancora non si crede molto alle alimentazioni elettriche, che accusano una flessione del -26,1 per cento rispetto ai primi cinque mesi 2017. Poco meglio vanno le motorizzazioni gpl/benzina.
A livello europeo, i dati dell'Acea sui primi cinque mesi offrono un panorama differente: a maggio 2018 le immatricolazioni di veicoli commerciali leggeri sono cresciute del 4,3 per cento. Tutti i principali mercati dell'UE hanno ottenuto buoni risultati, ad eccezione dell'Italia (-2 per cento). Spagna (+ 9,3%), Germania (+ 2,4%), Regno Unito (+ 2,4%) e Francia (+ 1,8%) hanno visto aumentare la domanda di mezzi commerciali. Complessivamente si registrano per cinque mesi 176.545 nuove immatricolazioni in tutta l'Unione Europea. In questo periodo, la domanda di nuovi furgoni ha portato a un totale di 857.431 unità. La crescita maggiore è stata registrata in Spagna (+ 11,7%), Francia (+ 5,3%), Germania (+ 4,8%) e molto poco in Italia (+ 1,1%) e in Gran Bretagna (-1,4%).

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.