Array ( [0] => 36 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Cala mercato camion anche a novembre 2019


A pochi giorni dalla fine dell'anno e con ormai tutte le carte sul tavolo, il mercato italiano dei veicoli industriali prosegue una lenta erosione delle immatricolazioni. A novembre è in picchiata il segmento dei veicoli motorizzati con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, che con una flessione del 9,3%, (1.794 libretti di circolazione) sfiora la doppia cifra, mentre i veicoli trainati restano stabili con 1.143 immatricolazioni, ossia lo 0,3% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, con 100 rimorchi (+4,2%) e 1043 semirimorchi (-0,1%). Il dato complessivo dei primi undici mesi mostra 21.654 immatricolazioni di veicoli motorizzati sopra le 3,5 tonnellate, che corrisponde a una flessione rispetto alo stesso periodo del 2018, del 7,1%, e 13.447 immatricolazioni di veicoli rimorchiati (-7,2%), suddivisi in 1277 rimorchi (-5,8%) e 12.170 semirimorchi (-7,2%).
Se l'Italia piange, l'Europa non ride. Le immatricolazioni dei veicoli industriali motorizzati di qualsiasi dimensione sono diminuite a novembre dell'8,9%, segnando il terzo mese consecutivo di flessione. L'Italia è il Paese che mostra il maggior rosso, con l'11,7%, seguita da Regno Unito (-10,7%), Francia (-7,1%), Germania (-6,1%) e Spagna (-2,5%). Considerando i primi undici mesi dell'anno, le immatricolazioni restano comunque positive (+2,25), grazie a una crescita generalizzata registrata nei primi mesi del 2019. I mercati migliori sono Germania (+ 6,7%), Francia (+ 4,0%), Italia (+ 2,6%), Regno Unito (+ 2,6%) e Spagna (+ 1,1%).
Distinguendo per segmenti di peso, nei primi undici mesi le immatricolazioni dei veicoli commerciali in Europa sono aumentate del 2,3%, toccando quota 1,9 milioni di unità. In questo caso, i risultati migliori si registrano in Germania (+ 7,4%), Italia (+ 4,3%) e Francia (+ 4,1%). Però gli ultimi mesi vanno in rosso e a novembre le immatricolazioni sono cadute del 7,9%, soprattutto a causa dell'introduzione del nuovo test delle emissioni WLTP del 1° settembre. Sopra le 3,5 tonnellate, le immatricolazioni mostrano un calo a novembre per il quinto mese consecutivo, ma il risultato degli undici mesi resta ancora positivo: 363.963 unità, con un aumento dell'1,6%. Regno Unito (+ 9,7%), Germania (+ 5,4%), Francia (+ 2,5%) e Spagna (+ 1,6%) hanno registrato risultati migliori rispetto allo stesso periodo del 2018, mentre in Italia le immatricolazioni sono calate del 7,1%.
Restringendo l'analisi ai veicoli motorizzati più pesanti, ossia quelli con massa complessiva superiore a 16 tonnellate, a novembre emerge un notevole riduzione, pari al 17,6%. Con l'eccezione della Spagna (+ 10,8%), tutti i mercati chiave dell'Unione Europea hanno registrato risultati peggiori rispetto allo stesso mese del 2018, in particolare Regno Unito (-24,6%), Germania (-19,3%) e Francia (-17,5%). Considerando i primi undici mesi, le immatricolazioni di pesanti nell'UE registrano un modesto aumento dell'uno percento, nonostante i risultati negativi del segmento negli ultimi cinque mesi. La crescita è stata sostenuta da quattro dei cinque mercati più importanti: Regno Unito (+ 10,8%), Spagna (+ 3,4%), Francia (+ 3,3%) e Germania (+ 3,2%). Tuttavia, il mercato italiano dei mezzi più pesanti si è contratto del 7,5% da gennaio a novembre.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@trasportoeuropa.it

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    L’autotrasporto chiede un incontro su ArcelorMittal

    Cinque sigle dell’autotrasporto chiedono un incontro al Governo per affrontare i problemi degli autotrasportatori dell’acciaio che lavorano con l’ArcelorMittal, soprattutto il ritardo dei pagamenti e la revisione delle condizioni contrattuali.

Logistica

  • Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Cresce il cluster di Covid-19 nella logistica di Bologna

    Dopo i 107 casi di positività al coronavirus, i controlli dell’Ausl di Bologna hanno rivelato almeno diciotto persone positive che operano nella vicina piattaforma Tnt. I sindacati chiedono provvedimenti per fermare il contagio.

Mare

  • Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Sciopero del SiCobas al Conateco di Napoli

    Il sindacato di base SiCobas ha bloccato per alcune ore l’accesso del terminal container del porto di Napoli Conateco nell’ambito di una vertenza contro il licenziamento di alcuni lavoratori. Ripercussioni anche nella viabilità cittadina.