Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • I traffici container nel Mediterraneo si avvicinano all’Italia

    I traffici container nel Mediterraneo si avvicinano all’Italia

    L’edizione 2020 del rapporto Italian Maritime Economy realizzato da Srm mostra come il baricentro delle rotte dei container sta lentamente spostandosi verso le nostre coste, favorendo i porti della Penisola. Che però sono frenati dai collegamenti verso l’entroterra.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Riforma dei porti da rifare


    «Abbandoniamo la linea dell’autonomia finanziaria, le casse dello Stato non se la possono permettere». Con queste parole, poi parzialmente rettificate dicendo che «l’autonomia finanziaria e funzionale delle Autorità Portuali dev’essere il perno di un processo di riforma del settore», il sottosegretario al Ministero dei Trasporti, Rocco Girlanda (intervenuto per “rimediare” all’assenza del Ministro Lupi), ha gelato la platea del convegno organizzato dalle tre associazioni nazionali degli spedizionieri (Fedespedi), degli agenti marittimi (Federagenti) e dei porti (Assoporti) per rilanciare la logistica e la portualità italiana.

    Il cluster marittimo italiano è in guerra con il Ministero dell’Economia perché non intende concedere alle Autorità Portuali italiane quell’autonomia finanziaria che significherebbe trattenere l’1% (165 milioni di euro) del gettito fiscale totale (pari a 16,5 miliardi) generato annualmente dalle merci in entrata e uscita dai porti.
    Il Ministero dei Trasporti, per la verità, avrebbe voluto concedere un’autonomia finanziaria all’1% quest’anno e del 2% a partire dal prossimo anno ma il dicastero di Fabrizio Saccomanni ha bloccato il provvedimento concedendo solo di alzare da 70 a 90 milioni di euro il tetto massimo di autonomia finanziaria concessa ai porti.

    Ecco perché il presidente di Assoporti, Luigi Merlo, al sottosegretario Girlanda ha detto: «Non chiediamo l’elemosina, valiamo 16,5 miliardi di euro. Il Ministero dei Trasporti ci deve difendere di fronte al Ministero del Tesoro. Siamo disponibili a ripensare la riforma della legge portuale 84/1994 ma dobbiamo sapere concretamente quali sono le alternative all’autonomia finanziaria». Merlo ha anche proposto di trasferire alle port authority il demanio portuale per patrimonializzarlo a vantaggio delle stesse Autorità portuali così come già avvenuto nei porti francesi ma dal sottosegretario, come risposta, è arrivato un invito «a sedersi attorno a un tavolo per trovare una soluzione».

    Anche Franco Bassanini, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, auspica che si possa avere un «quadro normativo chiaro e omogeneo per rendere più appetibili ai fondi pubblici e privati gli investimenti in infrastrutture portuali. Per fare questo, però, ci vogliono condizioni del fare e certezza della redditività».

    L’autonomia finanziaria degli scali o il trasferimento del demanio alle Autorità Portuali rappresenterebbero oggi due alternative per rendere appetibili anche quegli investimenti come le dighe o i dragaggi dei fondali su cui il privato non ha interesse a investire perché non generano un ritorno economico diretto.

    Un indirizzo su come dovrà essere la prossima riforma dei porti è stato dato da Enrico Seta, responsabile della segreteria tecnica del Ministro dei Trasporti: «Se le Autorità Portuali vogliono davvero cambiare la 84/1994 presentino una riforma basata su linee chiare e univoche. La precedente bozza arenatasi in Parlamento non teneva in considerazione né la concentrazione del mercato cui stiamo assistendo né le nuove indicazioni arrivate da Bruxelles sulle reti Ten-T».
    Assoporti, Federagenti e Fedespedi possono dunque ripartire da qui e dalla consapevolezza del peso economico che l’industria dei trasporti riveste in Italia.

    Secondo i dati ripresi da Ambrosetti European House il cluster marittimo rappresenta il 2,6% del Pil (pari a quasi 40 miliardi di euro), 213.000 sono gli occupati diretti impiegati complessivamente, per ogni 100 nuovi impiegati dal settore logistico-portuale vengono attivate 173 nuove unità di lavoro nell’economia, mentre per ogni 100 euro di nuovi investimenti o di domanda aggiuntiva di nuovi servizi, vengono generati 237 euro di ricchezza complessiva per il Paese.

    Attraverso i porti italiani passano infine il 55% delle merci esportate extra-Ue e il 30% del totale delle esportazioni italiane mondiali. Secondo Ambrosetti se l’Italia si allineasse alla media UE nei tempi di sbarco e imbarco, il commercio internazionale del nostro Paese potrebbe aumentare di circa 50 miliardi di euro.
    Nicola Capuzzo

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

     Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

  • Unatras vuole incontrare il ministro dei Trasporti

    Unatras vuole incontrare il ministro dei Trasporti

    L’unione dell’autotrasporto Unatras chiede al ministro dei Trasporti, Enrico Giovannini, di aprire un Tavolo di confronto per individuare le questioni più urgenti su cui intervenire, tra cui i recenti ostacoli apparsi in Germania e Austria.

Mare

  • I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I porti di Anversa e Zeebrugge uniti rincorrono Rotterdam

    I due principali porti container del Belgio, Anversa e Zeebrugge, si fondono per offrire un'unica entità al trasporto globale di container. Nel 2020 hanno movimentato 13,8 milioni di teu, più del traffico dell’intera portualità italiana e vicino a quello di Rotterdam.

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Due viceministri e un sottosegretario ai Trasporti

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Fercam apre da remoto una filiale in Svezia

LOGISTICA

Sindacati interrompono negoziato su Ccnl Logistica e Trasporto
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider