Array ( [0] => 10 )

Primo piano

  • La Romania vuole reclutare autisti in Asia

    La Romania vuole reclutare autisti in Asia

    Il Governo rumeno si sta muovendo per reclutare autisti di veicoli industriali in alcuni Paesi asiatici e per fornire loro la Carta di qualificazione del conducente tramite esami in inglese e spagnolo.

Podcast K44

Normativa

Cronaca

    Cresce la tensione nel Mar Nero


    Alta tensione, ma per adesso nessun inconveniente nei porti del Mar Nero a causa della crisi tra Ucraina e Russia. Ma il mondo dello shipping sta osservando con attenzione l'evoluzione della situazione, soprattutto in Crimea, dove le forze militari russe hanno di fatto occupato i porti, Inoltre, nel Mar Nero stanno confluendo unità militari della Nato, per ora più come presenza simbolica che operativa. La settimana scorsa, il Pentagono ha inviato nel Mar Nero la nave da guerra Truxtun, che fa parte della Sesta Flotta del Mediterraneo. La nave ha lasciato il porto greco di Souda per unirsi ad altre unità rumene e bulgare per un'esercitazione congiunta. Siamo ancora lontani da azioni estreme, come per esempio la chiusura dei Dardanelli, che la Nato potrebbe fare in poco tempo attraverso la Turchia.
    Il traffico commerciale resta per ora normale nei porti dell'Ucraina e, in particolare, in quelli della Crimea, tra cui spiccano Kerch e Sebastopoli, rispettivamente il sesto e settimo porti ucraini per movimentazione di merci. I tre scali più importanti del Paese (Yuzhny, Odessa e Illichivsk) sono nella parte occidentale dell'Ucraina, quella sotto il controllo del Governo di Kiev. Il quarto, Nikolayev, si trova lungo il fiume Dniepr, quindi al confine tre le due parti del Paese, mentre il quinto, Mariupol, è in oriente, nel Mar d'Azov e vicino al confine con la Russia. Bisogna precisare che i porti di Yuzhny, Odessa e Illichivsk muovono oltre la metà dei volumi marittimi dell'Ucraina, mentre Kerch e Sebastopoli movimentano insieme circa 22 milioni di tonnellate l'anno, ossia quasi un terzo di quanto muove il solo Yuzhny.
    Secondo Lloyd's List Intelligence, la maggior parte delle merci che fanno capo all'Ucraina (quasi 50 milioni di tonnellate l'anno) si muove sulle rotte con porti della Grecia. Al secondo posto, con circa 33 milioni di tonnellate, troviamo la Turchia e al terzo la Germania (19 milioni di tonnellate). L'Italia è al settimo posto, con sei milioni di tonnellate.
    Gran parte della merce che tocca i porti ucraina (132 milioni di tonnellate) è formata da rinfuse secche, dato che non sorprende perché l'Ucraina è il principale produttore agricolo dell'Europa (e movimenta quindi grandi quantità di prodotti agricoli e fertilizzanti). Seguono, rispettivamente con 32 e 31 milioni, il general cargo e i liquidi, mentre i container sono solo al quarto posto (28 milioni di tonnellate).

    © TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

     


      Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

     Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

    CONTENUTI SPONSORIZZATI

    Accordo quadro tra Astre e Scania per l’acquisto di camion
    Astre ringrazia l’autotrasporto con un video
    Progetto ADRIPASS per avvicinare le regioni europee
    Con Astre Plus i lotti di pallet corrono nell’ultimo miglio
    Menu completo d’intralogistica per gli associati Astre
    LCT collabora con la Protezione Civile contro la Covid-19
    previous arrow
    next arrow
    Slider

     

Videocast K44

Autotrasporto

Mare

TECNICA

K44 videocast: quale sarà il motore del 2040

TECNICA

GM sviluppa un sistema elettrico completo per logistica urbana

TECNICA

Schiphol sperimenta trattore per bagagli autonomo

TECNICA

La Cina progredisce nel camion autonomo

TECNICA

Semirimorchi aerodinamici di Schmitz Cargobull
previous arrow
next arrow
Slider

LOGISTICA

Due viceministri e un sottosegretario ai Trasporti

LOGISTICA

Allarme per l’approvvigionamento dei pallet in legno

LOGISTICA

Supermulta da 773 milioni e denunce a quattro società per i rider

LOGISTICA

Fercam apre da remoto una filiale in Svezia

LOGISTICA

Sindacati interrompono negoziato su Ccnl Logistica e Trasporto
previous arrow
next arrow
Slider

BREXIT

La Brexit frena anche Amazon in Gran Bretagna

BREXIT

DB Schenker riprende le spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DHL Express sospende alcune spedizioni verso la Gran Bretagna

BREXIT

Palletways sospende spedizioni per Gran Bretagna

BREXIT

DPD riattiva le spedizioni con la Gran Bretagna
previous arrow
next arrow
Slider

CAMIONSFERA

Altera cronotachigrafo, multa di 5500 euro

CAMIONSFERA

Denunciato camionista in Sicilia per manomissione cronotachigrafo

CAMIONSFERA

Cambio al volante di Scania dal primo maggio

CAMIONSFERA

Pontremolese in concessione per completarla

CAMIONSFERA

Arresti a Napoli contro rapinatori dell’autotrasporto

CAMIONSFERA

Guida 21 ore in un giorno e senza AdBlue, multa per autista e azienda

CAMIONSFERA

Arriva un nuovo operatore per il telepedaggio in Italia

CAMIONSFERA

Indagine per omicidio stradale sul tamponamento dell’A32

CAMIONSFERA

Autotrasporto protesta contro due autovelox sulla Fi-Pi-Li

CAMIONSFERA

Sciopero degli autisti della logistica Amazon di Padova

CAMIONSFERA

Tampone in Germania, lunghe code al Brennero

CAMIONSFERA

Il 2021 inizia in positivo per i veicoli industriali

CAMIONSFERA

Ferrovia trans-afghana tra l’Asia centrale e il Mar Arabico

CAMIONSFERA

Pagamento telematico del pedaggio in Marocco con DKV

CAMIONSFERA

Ispettorato Lavoro concede lavoro a chiamata per i camionisti
previous arrow
next arrow
Slider