Array ( [0] => 13 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

ProLogis acquisisce parte di Parkridge

La società immobiliare statunitense acquista le strutture per attività industriali e logistiche di Parkridge, in cambio di una somma in contanti e azioni proprie. Una transazione da un miliardo di dollari.
Prosegue il processo di aggregazione nel settore delle immobiliari operanti nella logistica. L'ultimo accordo prevede una transazione da un miliardo di dollari tra la statunitense ProLogis e la britannica Parkridge. Quest'ultima costruisce e affitta complessi per attività industriali, logistiche, commerciali e residenziali. L'accordo prevede la cessione delle attività industriali e l'acquisto, da parte di ProLogis, del 25% della divisione Retail e Mixed-use e della metà della joint-venture in Europa Centrale.

In particolare, l'acquisizione di ProLogis prevede: un'area industriale in Gran Bretagna di quasi 324mila ettari, su cui si possono sviluppare progetti per 1.393.546 metri quadrati; il parco logistico Astral, sempre in Gran Bretagna, dove sono in costruzione dieci strutture per complessivi 483mila metri quadrati; alcuni progetti in corso di attuazione in Paesi dell'Europa occidentale, tra cui l'Italia; la metà della joint-venture creata in precedenza dalle due società per sviluppare strutture nell'Europa Centrale.

L'operazione potenzia la presenza di ProLogis in Europa. In prospettiva, la società statunitense vuole integrare le due organizzazioni. Parkridge continua ad operare in modo autonomo negli immobili per la vendita al dettaglio (compresi i magazzini che li servono) e in quelli per uffici.

Leggi tutte le notizie su:
ProLogis
Parkridge

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare