Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Primo accordo sul Canale di Panama


L'accordo non è ancora definitivo e ora è soggetto ad approfondimento dalle parti, prima della firma finale. Ma è comunque un importante passo in avanti per risolvere il nodo dei sovracosti di 1,6 miliardi di dollari, che è alla base del contrasto tra Panama Canal ed il Gupc. L'amministratore del Canale, Jorge L. Quijano, ha assicurato che la terza serie di chiuse sarà termina entro i termini previsti dal contratto originale.
Infatti, proprio al primo punto l'accordo di massima prevede che la terzia serie di chiuse siano pronte entro dicembre 2015. A tal fine, le dodici chiuse costruite in Italia dovranno giungere a Panama entro dicembre 2014. Dal punto di vista finanziario, i lavori saranno pagati tramite Performance Bond per 400 milioni di dollari emessi da Zurich North America, mentre Panama Canal Authority e Gupc verseranno cento milioni di dollari a testa.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.