Array ( [0] => 12 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Gupc riapre cantieri del Canale di Panama


Dopo due settimane di sospensione dei lavori alla terza serie di chiuse, giovedì 20 febbraio il consorzio Gupc ha riaperto i cantieri dopo una serrata trattativa con il committente. Per ora, le parti hanno raggiunto un'intesa provvisoria e proseguono quindi le trattative per giungere ad una soluzione definitiva su chi dovrà colmare il buco finanziario di 1,6 miliardi di dollari. L'accordo prevede che la Panama Canal Authority paghi al consorzio 36,8 milioni di dollari come saldo di alcune fatture di dicembre 2013. con questa cifra, il Gupc potrà a sua volta pagare i lavoratori e i fornitori.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto: Gupc

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    K44 podcast: come comportarsi in caso d’incidente

    Questo episodio di K44 La voce del trasporto spiega che cosa si deve fare, che cosa non si deve fare e che cosa è consigliato fare nel caso un veicolo industriale sia coinvolto in un incidente di qualsiasi tipo.

Logistica

  • Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    Sequestro di 11 milioni in coop logistica di Parma

    La Guardia di Finanza di Parma ha sequestrato undici milioni di euro a due cooperative del Gruppo Taddei che operano nella logistica per evasione fiscale. Occupano quasi un migliaia di persone, tra soci e dipendenti.

Mare

  • Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Scontro sull’autoproduzione tra i due fronti del porto

    Alla Camera è in corso la discussione su un emendamento al Decreto Rilancio che stabilisce con chiarezza l’impossibilità dell'autoproduzione nelle operazioni di rizzaggio e derizzaggio dei traghetti. E si scalda lo scontro tra armatori e sindacati.