Array ( [0] => 31 )

Primo piano

Podcast K44

Normativa

Nuovo regolamento sul cronotachigrafo digitale


L'Unione Europea ha deciso di rinnovare le norme sulla costruzione e gestione dei cronotachigrafi digitali, che sono obbligatori sui veicoli industriali sopra le 3,5 tonnellate e sugli autobus in tutti i Paesi dell'Unione. Lo scopo del nuovo Regolamento è rendere gli apparecchi più sicuri contro le manomissioni, permettere maggiori controlli, ma anche semplificarne l'istallazione e l'utilizzo.
Il Regolamento introduce una nuova esenzione dall'apparecchio per i veicoli con massa non superiore a 7,5 tonnellate impiegati per il trasporto di materiali, attrezzature o macchinari necessari al conducente per l'esercizio della sua professione e che sono utilizzati solamente entro un raggio di cento chilometri dal luogo in cui si trova l'impresa, a condizione che la guida di tali veicoli non costituisca l'attività principale del conducente. È una norma che favorisce soprattutto il contro proprio, specialmente nell'ambito dell'installazione e manutenzione di impianti e apparecchiature.
La norma vincola la Commissione Europea (che dovrà emanare i necessari provvedimenti attuativi del Regolamento) ad adottare alcune innovazioni tecniche, come l'obbligo dei sensori di peso nei veicoli industriali e l'inserimento nei cronotachigrafi di un rilevatore di posizione satellitare "per registrare automaticamente la posizione di un veicolo in determinati punti nel corso del periodo di lavoro giornaliero, al fine di coadiuvare gli agenti durante i controlli ed è pertanto opportuno disporlo". Il regolamento impone anche un sistema di verifica a distanza dei dati del cronotachigrafo, anche con veicolo in movimento, per aumentare i controlli sulle ore di guida e di riposo. In questo caso, precisa il regolamento, non saranno emesse sanzioni in modo automatico.
Altre prescrizioni del Regolamento riguardano l'utilizzo di interfacce standard per consentire ai cronotachigrafi di comunicare con altri equipaggiamenti informatici e telematici. A proposto di comunicazione, gli apparecchi di nuova generazione dovranno permettere all'autista d'interpretare in modo semplice i dati memorizzati nel cronotachigrafo. Un articolo è dedicato alla sicurezza contro le manomissioni e chiede ai costruttori di progettare, provare e rivedere periodicamente l'apparecchio per prevenire, rilevare e limitarne la vulnerabilità. Il regolamento affronta anche i tempi relativi alla omologazione e alla revisione dei cronotachigrafi.
L'articolo 33 del regolamento approfondisce la responsabilità delle imprese di autotrasporto nell'utilizzo dei cronotachigrafi da parte dei loro conducenti. Il teso chiarisce che le imprese "sono responsabili per le infrazioni del presente regolamento commesse dai loro conducenti o dai conducenti sottoposti a loro disposizione". I singoli Stati possono però limitare tale responsabilità ai casi in cui l'azienda non ha fornito un'adeguata formazione o specifiche istruzioni sul rispetto delle ore di guida e dei tempi di lavoro.
REGOLAMENTO EUROPEO 165/2014 SUL CRONOTACHIGRAFO DIGITALE

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

  • FedEx interessata alle attività di Hermes

    FedEx interessata alle attività di Hermes

    Secondo indiscrezioni, la multinazionale del trasporto espresso FedEx intende acquisire alcune attività della società di trasporto Hermes, specializzata nel trasporto nell’ultimo miglio.

Mare