Array ( [0] => 11 )

Primo piano

  • Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Il 2019 è peggior anno del cargo aereo del decennio

    Le rilevazioni della Iata sul trasporto aereo delle merci del 2019 mostrano che è stato il peggiore anno dal 2009, quando scoppiò la crisi macroeconomica da cui il settore è emerso lentamente. Un’eventuale ripresa quest’anno potrebbe essere ostacolata dall’epidemia di coronavirus.

Podcast K44

Normativa

Alitalia, ecco i cinque scelti

Il ministero del Tesoro ha comunicato i nomi selezionati per accedere alla gara per acquisire la compagnia aerea. Sono tutte società finanziarie.
Con la scelta dei cinque candidati che potranno accedere alla seconda fase della privatizzazione della compagnia, si apre la gara vera e propria. Il Tesoro comunica che la scelta è avvenuta sulla base della corrispondenza delle manifestazioni d'interesse con i requisiti previsti dal bando dello scorso 29 dicembre. Il passo successivo spetta al ministero e consiste nell'invio ai prescelti di una lettera di procedura che conterrà le modalità per presentare le offerte preliminari, che comunque non saranno vincolanti. Ciò dovrebbe avvenire entro la metà di aprile ed entro giugno dovrebbe aprirsi l'atto finale.

I cinque pretendenti scelti dal Tesoro sono: Ap Holding (di Carlo Toto, il titolare di Air One); Ubm (del gruppo Unicredit); Cerberus European Investments con Management & Capitali (Carlo De Benedetti); Texas Pacific Group con MatlinPatterson Global Advisers; ELQ Investors con Lefinac (di Alcide Leali, fondatore di Air Dolomiti). L'imprenditore Paolo Alazraki si era tirato fuori qualche giorno fa in modo polemico. Restano esclusi, tra gli altri, anche Net Present Value, che rappresentava l'Unione Piloti e la BCC di Roma. Con l'avvio della seconda fase si riaccendono anche le indiscrezioni, che sono favorite dal fatto che la procedura consente a nuovi soggetti di aggregarsi a quelli già ammessi alla gara. Potrebbero rientrare in gioco, quindi, le compagnie aeree, comprese quelle (come Air France-Klm e Lufthansa) che hanno mostrato disinteresse alla questione.

La gara sarà seguita dal nuovo amministratore delegato di Alitalia, Bernardino Libonati, che ha sostituito Giancarlo Cimoli. Nato a Roma nel 1934, Libonati è professore ordinario alla Sapienza di Roma dal 1981. Tra le sue numerose cariche dirigenziali, vanta anche la presidenza di Telecom Italia nel 1998-1999 e di Banca di Roma (dal 2002). Intanto, il legale di Cimoli smentisce che il loro assistito abbia ottenuto una buonuscita di otto milioni di euro, come hanno affermato alcune fonti di stampa. Egli dovrebbe ricevere "solamente" la liquidazione, basata su una retribuzione annua di circa 2,8 milioni di euro. Questa vicenda ha provocato diverse reazioni dal mondo politico e sindacale e l'apertura di un'inchiesta da parte della procura di Roma. Quest'ultima sta vagliando la quota variabile dello stipendio del manager, quella basata sul raggiungimento degli obiettivi fissati dal Cda.

Leggi tutte le notizie su:
Alitalia

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

  • Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Dimissioni dei vertici camion dell’Unrae

    Annunciate le dimissioni improvvide del presidente della Sezione Veicoli Industriali, Franco Fenoglio, e di quello della Sezione Rimorchi dell'associazione dei costruttori di veicoli esteri Unrae.

Logistica

  • Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    Le proposte di Fedespedi per il Recovery Fund

    L'associazione degli spedizionieri Fedespedi indica le priorità per il trasporto delle merci e la logistica da inserire nel programma di spesa che il Governo italiano dovrà presentare all'UE per ottenere le risorse del Recovery Fund. Tre temi: digitalizzazione, connettività e sostenibilità.

Mare