Array ( [0] => 16 )

Primo piano

  • Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    Regno Unito minaccia di anticipare la Brexit

    A meno di due mesi dall’uscita ufficiale del regno Unito dall’Unione Europea e alla vigilia dei negoziati per gli accordi in diversi settori, tra cui il trasporto, Londra minaccia che di ridurre la fase transitoria di sei mesi se nelle prossime settimane non avverranno “buoni progressi”.

Podcast K44

Normativa

Sistri, ecco i punti deboli per il trasporto

L'associazione dell'autotrasporto Conftrasporto invia al Governo un dettagliato documento in cui spiega perché il sistema di tracciamento telematico dei rifiuti industriali non funziona e quindi ne va sospesa l'applicazione. Anzi, ne chiede una vera e propria "rivoluzione".

Le associazioni dell'autotrasporto si stanno battendo da mesi per la sospensione del Sistri o perlomeno per il suo rinvio e sono anche ora in prima linea per evitare l'avvio previsto per il 30 giugno 2012. A sostegno di questa vertenza, il presidente di Fai Conftrasporto, Paolo Uggè, ha scritto una lettera al Presidente del Consiglio, Mario Monti, ed ai ministri dell'Ambiente, Corrado Clini, della Ricerca, Francesco Profumo e dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. Il testo elenca diciassette punti critici finora rilevati, spiegando quali sarebbero le "gravi conseguenze" si il sistema entrasse in funzione il 30 giugno 2012. La lettera è stata inviata anche a tutti i parlamentari delle Commissioni Ambiente della Camera e del Senato, nonché a quelli della Commissione bicamerale d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti.

Ecco l'elenco dei 17 punti. Per un'analisi di ciascuno rimandiamo alla lettura integrale del documento:

  1. Vettori stranieri: la disciplina del Sistri non assoggetta i vettori stranieri che svolgono trasporti transfrontalieri ai propri obblighi, consentendo loro di operare una concorrenza sleale rispetto ai vettori italiani.
  2. Iscrizioni, trasformazioni e integrazioni: iscrizioni complesse, profili operatori contenuti in Sistri errati, trasformazioni e/o integrazioni complicate se non addirittura impossibili.
  3. Black Box: diverse non funzionano e scaricano le batterie.
  4. Dispositivi Usb operatori: molti non funzionano dal punto di vista hardware e tantissimi non sono configurati bene in centrale, per cui non riescono ad accedere o comunque hanno profili sbagliati (soprattutto gli impianti).
  5. Dispositivi Usb autisti: tanti non funzionano dal punto di vista hardware. In particolare, non sempre si riesce a capire se i BIP sono stati effettivamente emessi. Difficilissima (quando funziona) la identificazione del corretto funzionamento.
  6. Firma Digitale: la forma digitale è illegale, ossia non è una vera firma digitale ma una semplice firma elettronica priva di qualsiasi sistema di sicurezza (in attesa del resoconto di DigitPA).
  7. Portale Sistri non sempre accessibile: in moltissimi casi vengono indicate delle anomalie che non consentono l'accesso.
  8. Portale Sistri in continua evoluzione: numerosissimi e frequenti cambiamenti non documentati o documentati in maniera insufficiente.
  9. Portale Sistri non conforme alla normativa: le funzioni contenute nel portale, oltre a non essere documentate, non sono conformi alla normativa di attuazione (decreto ministeriale).
  10. Portale Sistri senza area di test: non esiste un'area di test per permettere agli operatori di provare le funzioni previste.
  11. Normativa lacunosa: la normativa non prevede tantissimi casi d'uso, lascia vuoti non colmati e soprattutto vincola gli operatori ad utilizzare, pur di lavorare, procedure non conformi alla operatività.
  12. Interoperabilità incompleta: il sistema di interoperabilità è incompleto e non tutte le funzioni sono state introdotte e documentate.
  13. Interoperabilità senza test: gli operatori non hanno un'area di prova dove poter sperimentare le funzioni dell'interoperabilità.
  14. Implementazioni funzionalità gestionali: le associazioni di categoria maggiormente rappresentative hanno proposto al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare l'implementazione delle movimentazioni interne.
  15. Interoperabilità senza norma: i sistemi di interoperabilità, nonostante l'impegno del governo, non sono ancora inclusi in nessuna norma ufficiale. Nessuna Gazzetta Ufficiale prevede l'utilizzo del sistema di interoperabilità.
  16. Dipendenza da un portale web: la totale dipendenza da un portale web sovraccarica gli operatori di responsabilità e ne limita le attività.
  17. Inefficienza delle operazioni di firma: Le operazioni di firma sono in numero sovrabbondante e rallentano enormemente il processo di creazione, acquisizione, chiusura del movimento; cosa che non può essere accettabile per settori come depositi e autotrasporto che movimentano da qualche decina a qualche centinaio di formulari al giorno. Inoltre, la necessità di pianificare il tracciato diventa una attività a sé stante che richiede personale dedicato e paralizza la flessibilità dell'impresa aumentandone i costi.

Inoltre, prosegue il testo della lettera di Conftrasporto "Occorre ricordare che molti casi d'uso non sono stati ancora implementati come, per esempio, la raccolta dei rifiuti liquidi, gli oli esausti, le bonifiche (molto farraginosa la procedura), i rottami ferrosi, i vettori stranieri, gli Rsu della Regione Campania, i centri di raccolta, la micro raccolta, eccetera". Perciò, "Alla luce di quanto descritto non è ipotizzabile la partenza del Sistri al 30 giugno 2012 o in altra data da definire se il contesto rimane quello attuale. È necessaria una rivisitazione del sistema completo giungendo a semplificazioni massicce. Una vera rivoluzione del sistema stesso", conclude l'associazione degli autotrasportatori.

LETTERA CONFTRASPORTO SU 17 PUNTI CRITICI DEL SISTRI

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter bisettimanale con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

Sponsorizzato

Videocast K44

Autotrasporto

Logistica

Mare