Spediporto valuta causa per crollo ponte Morandi

Stampa

L'associazione degli spedizionieri genovesi sta valutando l'avvio di una causa collettiva di risarcimento verso la società Autostrade per l'Italia e il ministero dei Trasporti per i problemi di trasporto causati dal crollo del cavalcavia Polcevera.

A10 viadotto Morandi crollo alto fntVdFSecondo un articolo pubblicato l'8 ottobre 2018 dall'agenzia Reuters, Spediporto sta considerando di chiedere un risarcimento dei danno sia alla società Autostrade, sia al ministero dei Trasporti, ritenendoli responsabili del crollo del ponte Morandi e dei conseguenti disagi e maggiori costi per il trasporto. Gli spedizionieri vogliono un risarcimento per i percorsi più lunghi che devono fare i veicoli industriali per raggiungere il porto o le destinazioni interne finali. Ciò aumenta i tempi di viaggio e spinge quindi i clienti a scegliere altri porti. Il direttore generale di Spediporto, Giampaolo Botta, ha dichiarato a Reuters di avere già preso contatto con i propri legali per valutare un'azione legale collettiva: "Prenderemo una decisione nei prossimi mesi, quando avremo più dati sull'impatto economico del disastro".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: