TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Agcom sanziona Amazon per mancanza licenza postale

E-mail Stampa PDF

Il 2 agosto 2018, l'Autorità per le Garanzia nelle Comunicazioni ha multato tre società di trasporto e logistica controllate dal colosso del commercio elettronico per 300mila euro. Una decisione che potrà influenzare la logistica ecommerce.


Amazon Prime Now consegna signora casaLa delibera 400/18 dell'Agcom ha erogato a tre società operanti in Italia del Gruppo Amazon una sanzione totale di 300mila euro per avere esercitato attività postale senza autorizzazione. Tale attività consiste nella distribuzione di pacchi nell'ambito delle consegne di prodotti acquistati sulla piattaforma di commercio elettronico. Le condotte considerate illecite riguardano l'organizzazione di una rete unitaria per svolgere il servizio di consegna dei prodotti di venditori terzi e la gestione dei punti di recapito (locker). Le tre società multate sono Amazon Italia Transport, Amazon Italia Logistica e Amazon Italia Service.
Nella delibera, l'Autorità scrive che "è risultato, infatti, che per i prodotti offerti in vendita dai venditori terzi sul marketplace, le società del gruppo Amazon hanno organizzato un servizio di recapito al cliente finale che in nulla si discosta dal servizio di recapito reso dagli altri operatori postali, ad esempio i corrieri espresso, e che ricomprende le ordinarie fasi di lavorazione del ciclo postale: dalla fase di smistamento fino al recapito al cliente finale presso l'indirizzo del destinatario o presso i locker".
Amazon Italia Logistica e Amazon Italia Transport - e in qualità di responsabili in solido perché soci unici delle predette società, rispettivamente Amazon E e Amazon Europe Core – avrebbero violato l'articolo 6 del Decreto Legge 261/1999 e l'articolo 8 del "Regolamento titoli abilitativi" per "aver realizzato sul territorio italiano, in mancanza del prescritto titolo abilitativo, una rete preordinata all'offerta al pubblico di servizi postali, organizzata secondo standard e procedure da essa elaborate e sottoposta ai loro poteri di organizzazione al fine di fornire un servizio unitario".
Amazon Italia Transport - in solido con la controllante totalitaria Amazon Europe Core – è stata multata per sette violazioni dell'articolo 6 del Decreto Legge numero 261/1999 e dell'articolo 8 del Regolamento titoli abilitativi per ciascuno dei sette corrieri locali usati per il recapito, ossia Elpe Global Solution, Teamwork, Sum, Delivery Mates, HDG, BS Autotrasporti, Calenda, perché essi sono privi di titolo abilitativo. Inoltre, Amazon Italia Service, in solido con la controllante totalitaria Amazon EU, è stata multata per la violazione dell'articolo 6 del Decreto Legge 261/1999 e dell'articolo 8 del Regolamento titoli abilitativi per il possesso e gestione dei punti di recapito (locker) senza il prescritto titolo abilitativo.
L'Autorità spiega che "dalla navigazione sul sito www.amazon.it, dalla descrizione del funzionamento del servizio di Logistica2 e dall'esame delle condizioni generali di offerta del servizio ai venditori (da intendersi, seguendo la terminologia utilizzata nel sito quali 'venditori terzi' che mantengono la proprietà dei beni fino al recapito al cliente finale), risulta evidente l'attività, recentemente avviata da Amazon anche in Italia, volta ad organizzare una propria rete di recapito, così come già avvenuto in altri Paesi".
Il testo aggiunge che "le modalità di funzionamento della piattaforma, per l'attività che qui interessa, vale a dire quella finalizzata al recapito al cliente finale dei prodotti da lui acquistati dai cosiddetti 'venditori terzi", possono sintetizzarsi come segue: il venditore, tramite un corriere, fa pervenire la merce al centro logistico di Amazon. Una volta ricevuto l'ordine di acquisto, Amazon svolge attività logistica: preleva la merce dal deposito, la imballa e la etichetta (previa ricognizione delle sue caratteristiche specifiche, ad esempio peso e dimensioni). Una volta predisposto per la spedizione, l'articolo acquistato deve essere recapitato: ciò può avvenire o attraverso gli operatori postali nazionali già presenti sul mercato o, per il momento soltanto in alcune aree, attraverso la propria rete attraverso il servizio Amazon Logistics (che oltre ad essere la denominazione del servizio, è il nome di una business unit di Amazon Italia Transport)".
L'Autorità ritiene Amazon un corriere espresso anche perché "il servizio di corriere di Amazon Logistics figura in un elenco insieme al servizio offerto dai corrieri espresso ordinari (perché operanti da decenni nel settore). L'elenco è pubblicato sul sito di Amazon con l'indicazione 'I nostri corrieri - Informazioni relative ai corrieri utilizzati per le spedizioni Amazon.it - Corrieri principali per spedizioni in Italia'. Anche nella descrizione alla clientela delle varie modalità di consegna il servizio di Amazon Logistics è equiparato a quello degli altri corrieri espresso ordinari. Si legge testualmente: 'La maggior parte dei corrieri se non riesce a consegnare il tuo pacco, effettuerà un nuovo tentativo di consegna il giorno lavorativo successivo. Alcuni corrieri come Amazon Logistics e UPS effettueranno tre tentativi di consegna".
L'Autorità ritiene anche che il processo di etichettatura di Amazon - che mantiene il nome dell'azienda e non dei corrieri che consegnano il pacco quando essa è organizzata dai corrieri di Amazon Italia Transport - "segni il discrimine tra 'attività logistica' (che riguarda la gestione del magazzino ed i servizi di logistica offerti ai venditori terzi) ed 'attività postale'. Infatti, la merce, dopo essere stata impacchettata e munita dell'etichetta con il nominativo, l'indirizzo e il CAP del destinatario, diventa un invio predisposto per la consegna, idoneo ad essere sottoposto al ciclo di lavorazione postale. La successiva fase di suddivisione tra i corrieri espresso, in base anche ai tempi di consegna e alle aree servite, rientra a tutti gli effetti nella fase di smistamento che caratterizza il ciclo di attività di tutti gli operatori postali".
"L'attività di smistamento svolta presso i Centri Logistici di Amazon è, quindi, progressiva; un primo smistamento è finalizzato a ripartire i pacchi tra tutti i corrieri espresso: sia Amazon Logistics che i corrieri espresso ordinari. Questi ultimi dopo aver preso in carico gli invii provvederanno alla gestione del servizio fino alla consegna al destinatario. Le altre attività di smistamento si svolgono all'interno del servizio di consegna gestito da Amazon Logistics e consistono nella ripartizione dei pacchi tra le varie Delivery Stations di Amazon Logistics. Nelle Delivery Stations i pacchi sono ulteriormente smistati tra i corrieri espresso locali che provvederanno poi alla consegna al cliente finale. Le attività descritte sono attività di smistamento usualmente svolte da tutti gli operatori postali, sono contemplate dalla normativa di settore come fasi del ciclo di lavorazione postale e, pertanto, sono attività sicuramente qualificabili come postali che possono essere esercitate soltanto se in possesso del titolo abilitativo".
L'Autorità precisa che non è rilevante il fatto che Amazon consegni i pacchi tramite operatori terzi perché "è noto, infatti, che un modello organizzativo nel quale alcune fasi del servizio sono esternalizzate è ampiamente utilizzato da quasi tutti gli operatori postali; molto spesso è proprio la fase del recapito ad essere affidata, attraverso varie forme contrattuali. a corrieri terzi".
L'Autorità usa contro Amazon anche la sezione del suo sito web dove ricerca corrieri locali per la consegna all'ultimo miglio: "Questa sezione del sito offre la possibilità di diventare 'Corriere per Amazon', precisando poi che 'Un corriere è un'azienda locale i cui servizi vengono utilizzati da Amazon per consegnare le proprie spedizioni da un magazzino Amazon ai Clienti finali'. L'attività richiesta consiste nel prelevare i pacchi da un magazzino Amazon, trasportarli e consegnarli e la procedura per diventare 'Corriere per Amazon' è estremamente semplificata. Non è prevista alcuna attrezzatura specifica: non è richiesto che i veicoli riportino il logo, né che gli addetti indossino una divisa anche se si aggiunge che, ove ciò fosse necessario, sarà corrisposto un compenso per la promozione del marchio'.
Inoltre, a sottolineare da dipendenza di tali corrieri, Amazon fornisce "gli strumenti [..] ideali per gestire la pianificazione, le operazioni quotidiane, la navigazione su strada e l'assistenza clienti" e uno smartphone per registrare le consegne. Ciò denota, per l'Autorità "un controllo giornaliero puntuale, diretto ed immediato, sull'esecuzione del programma di lavoro assegnato".
Anche la consegna tramite gli armadietti automatici (locker) è considerata attività postale. Gli armadietti sono proprietà del Gruppo Amazon, che "controlla pienamente questa fase: lo spazio in questione è connesso via internet con i sistemi informatici della società che permettono di verificare sia la consegna da parte del corriere, sia l'orario di ritiro del pacco da parte del destinatario finale. L'attuazione di un sistema innovativo, che consente un pieno controllo da remoto, non comporta una diversa qualificazione di questa modalità di recapito. La consegna di un invio in un luogo diverso dall'indirizzo del destinatario (che dovrà poi provvedere al ritiro) è modalità di recapito da tempo utilizzata nel settore postale ed è sempre stata qualificata come attività postale; è sufficiente, ad esempio, ricordare le modalità ordinariamente utilizzate per il recapito degli invii raccomandati che sono depositati in giacenza presso gli uffici postali e sono a disposizione per il ritiro da parte del destinatario".
Nella sua difesa, Amazon ritiene la ricostruzione dell'Autorità "incoerente e contraddittoria", aggiungendo che la descrizione dei suoi servizi di logistica fatta sul sito avviene con linguaggio "atecnico e semplificatorio", che sarebbe stato erroneamente interpretato da Agcom come "precise condizioni che caratterizzano l'offerta del servizio alla clientela". Una tesi che però non ha convinto l'Autorità.

In una breve nota diffusa dopo la notizia della decione, Amazon afferma che: "Consideriamo importante la cooperazione con le autorità e ci impegniamo affinché tutte le osservazioni che ci vengono rivolte siano affrontate il più rapidamente possibile. Abbiamo pertanto esaminato attentamente i riscontri presentati dall'AGCOM, fornendo una risposta puntuale a ciascuno di essi. Valuteremo la decisione presa da AGCOM. Siamo disponibili a cooperare con le autorità al fine di fornire ulteriori informazioni relative alle nostre attività."
Scarica la DELIBERA 400/18 DELL'AGCOM SU SANZIONE AD AMAZON PER MANCANZA AUTORIZZAZIONE POSTALE

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1886

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Infrastrutture

Immagine
Governo invia lettera di contestazione ad Autostrade
Sabato 18 Agosto 2018
Il 17 agosto 2018, il ministero dei Trasporti ha inviato alla società autostradale che gestisce l'A10, dove è crollato il ponte Morandi, la... Leggi tutto...
Immagine
Ministero Trasporti avvia commissione su ponte Morandi
Venerdì 17 Agosto 2018
Il 16 agosto 2018, il ministero ha annunciato un'attività d'ispezione per svolgere verifiche e analisi tecniche sul crollo del viadotto Polcevera... Leggi tutto...
Immagine
Genova, percorsi alternativi per medie e lunghe distanze
Giovedì 16 Agosto 2018
Il crollo del ponte Morandi interrompe la circolazione lungo l'autostrada A10 con ripercussioni nel traffico nazionale internazionale. Ecco le... Leggi tutto...
Immagine
Scontro Confindustria M5S nel 2012 su ponte Morandi
Martedì 14 Agosto 2018
Durante una vivace discussione sulla realizzazione della Gronda, l'allora presidente degli industriali, Giuseppe Calvini, annunciò il possibile... Leggi tutto...
Immagine
Allarme per quattro viadotti in Lombardia
Martedì 14 Agosto 2018
Una perizia svolta nell'agosto 2017 da un ingegnere incaricato dalla Provincia di Monza e Brianza rivela che quattro viadotti che passano sulla... Leggi tutto...
Immagine
Conftrasporto su crollo ponte Morandi
Martedì 14 Agosto 2018
La confederazione dell'autotrasporto e della logistica sostiene che il disastro del cavalcavia Polcevera dell'A10 è causato dall'immobilismo e dai... Leggi tutto...
Immagine
Ponte Morandi è un crollo annunciato?
Martedì 14 Agosto 2018
Il viadotto Polcevera crollato la mattina del 14 agosto 2018 era già stato criticato in passato per alcune debolezze strutturali e stava subendo... Leggi tutto...
Immagine
Crolla Viadotto Morandi dell’autostrada A10 a Genova
Martedì 14 Agosto 2018
La mattina di martedì 14 agosto 2014 è crollato il viadotto dell'autostrada Genova Ventimiglia che attraversa Genova, durante un nubifragio.... Leggi tutto...

Ricerca

Video


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

Normativa

Normativa
Immagine
Corresponsabilità del committente nell'autotrasporto
Martedì 24 Maggio 2016
Confetra ha pubblicato a maggio 2016 una circolare in cui riassume i tre adempimenti che l'attuale normativa impone ai committenti del trasporto... Leggi tutto...
Immagine
A cosa servono i costi d'esercizio autotrasporto?
Martedì 24 Maggio 2016
Il direttore generale per il Trasporto Stradale e l'Intermodalità del ministero dei Trasporti, Enrico Finocchi, fornisce la sua interpretazione... Leggi tutto...
Immagine
Dal 2017 nuova onorabilità per autotrasporto
Martedì 26 Aprile 2016
La Gazzetta Ufficiale europea ha pubblicato il Regolamento UE numero 403 del 18 marzo 2016 che collega le infrazioni gravi commesse dalle imprese di... Leggi tutto...
Immagine
Gasolio autotrasporto a Livigno, il caso è chiuso
Giovedì 07 Aprile 2016
La Commissione Tributaria di Sondrio assolve pienamente gli autotrasportatori valtellinesi che si rifornivano nella zona franca usando i serbatoi dei... Leggi tutto...
Immagine
Nuove regole su batterie litio in aereo dal 1° aprile 2016
Martedì 29 Marzo 2016
L'Icao ha deciso il bando delle spedizioni di batterie al litio nelle stive degli aerei passeggeri dal primo aprile 2016, per prevenire il rischio... Leggi tutto...
Immagine
Entra in vigore l'omicidio stradale
Venerdì 25 Marzo 2016
Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale numero 70 del 24 marzo 2016 della Legge 41 del 23 marzo 2016 si applicano le nuove norme sugli... Leggi tutto...
Immagine
Bruxelles definisce specifiche del nuovo cronotachigrafo
Martedì 22 Marzo 2016
La Commissione Europea ha adottato il 21 marzo 2016 le specifiche per la nuova generazione di cronotachigrafi digitali che dovrebbe diventare... Leggi tutto...
Immagine
Dal 12 marzo 2016 dimissioni solo telematiche
Venerdì 11 Marzo 2016
Entra in vigore la norma del Jobs Act nata per contrastare le dimissioni in bianco: ora il lavoratore deve compilare un modulo telematico che si... Leggi tutto...
Immagine
Europarlamento approva regole su servizi nei porti
Mercoledì 09 Marzo 2016
Martedì 8 marzo 2016 il Parlamento Europeo ha approvato nella sessione plenaria la norma che unificherà le regole dei servizi portuali in tutta... Leggi tutto...
Immagine
Filtro anti-particolato non consente rimborso dell'accisa
Mercoledì 09 Marzo 2016
Una circolare dell'Agenzia delle Dogane chiarisce che l'installazione di sistemi antiparticolato non consente di applicare il beneficio sul gasolio... Leggi tutto...
Immagine
Autorizzazioni autotrasporto internazionale anche sotto 6 ton
Martedì 08 Marzo 2016
Il Decreto Dirigenziale numero 149 dell'11 settembre 2015 consente da quest'anno di chiedere le autorizzazioni bilaterali e Cemt anche per veicoli... Leggi tutto...
Immagine
Dogane ribadiscono obbligo fattura per gasolio autotrasporto
Lunedì 07 Marzo 2016
Nelle scorse settimane la Fita Cna ha segnalato all'Agenzia delle Dogane che alcuni distributori di carburante non rilasciano la fattura agli... Leggi tutto...
Immagine
Circolare su documentazione autotrasporto estero
Lunedì 07 Marzo 2016
I ministeri dei Trasporti, del Lavoro e dell'Interno hanno diffuso una circolare sui controlli da attuare sui veicoli industriali stranieri che... Leggi tutto...
Immagine
Ampliata e semplificata la Nuova Sabatini
Lunedì 07 Marzo 2016
Il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, ha firmato il decreto che apporta modifiche alla Legge che fornisce agevolazioni per gli... Leggi tutto...
Immagine
Milleproroghe conferma rinvio sanzioni Sistri al 2017
Venerdì 04 Marzo 2016
La conversione in Legge del decreto 201 del 30 dicembre 2015 conferma il rinvio dell'applicazione delle sanzioni relative al sistema telematico di... Leggi tutto...

j4age component required, but not installed