TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Trento approva il corridoio del Brennero

E-mail Stampa PDF

L'11 novembre 2019 avverrà la firma dell'intesa tra le ferrovie e gli enti locali per il progetto definitivo. Via libera alla circonvallazione merci che evita di passare dal nodo del capoluogo e da Rovereto. Obiettivo è realizzare la variante entro il 2028, data di apertura del tunnel di base.


Brennero cantiere Isarco altoPer Trento, il corridoio del Brennero rappresenterà una vera e propria rivoluzione. Dopo vent'anni di progetti e di varie ipotesi ora ci sono delle date precise scritte sull'agenda. Alla base dell'ultima svolta c'è la firma l'11 novembre 2019 dell'atto aggiuntivo al protocollo d'intesa già definito nell'aprile 2018 tra tutti i soggetti interessati, vale a dire il gestore della rete ferroviaria (Rfi), la Provincia e il Comune di Trento. Da questa data scattano 180 giorni per arrivare a un disegno preliminare di tutta l'infrastruttura che comprende la realizzazione della circonvallazione merci di Trento, l'interramento della ferrovia storica nella tratta urbana e come corollario un sistema di mobilità urbana integrata (conosciuto come Nordus). Se la scaletta dei tempi sarà rispettata, a maggio o giugno 2020 il progetto dovrebbe essere una realtà. È questo il frutto dell'ultima riunione del Comitato tecnico-scientifico dell'Osservatorio per lo sviluppo del corridoio del Brennero (istituito dalla Provincia di Trento) che ha portato alla firma dell'intesa.
Al di là degli aspetti urbanistici per il capoluogo trentino che cambieranno il volto della città, ma esulano dal discorso delle merci, l'accordo rappresenta anche un colpo d'acceleratore per la circonvallazione merci di Trento e Rovereto. Prevista dalla pianificazione delle tratte di accesso sud alla futura galleria di base del Brennero, è indicata come lotto prioritario numero tre, accanto alla variante tra Fortezza e Ponte Gardena (progetto definitivo approvato a luglio 2019), alla circonvallazione di Bolzano-Bassa Atesina e alla bretella di Verona. Le quattro varianti, che si trovano in una fase progettuale differente, sono considerate prioritarie in quanto solo con la loro realizzazione si può centrare l'obiettivo principale del tunnel di base del Brennero, vale a dire quello di costituire un corridoio ad alta capacità pensato soprattutto se non quasi esclusivamente per le merci (nei documenti della società BBT si parla di 80% trasporto merci e 20% trasporto passeggeri). Del resto, le varianti sono pensate proprio per portare il traffico commerciale all'esterno dei principali scali passeggeri e precisamente Rovereto, Trento e Bolzano. In particolare, la circonvallazione di Trento oggetto dell'intesa ora sottoscritta tra le ferrovie e gli enti locali conferma in linea di massima il progetto proposto da Rfi nel 2015. Resta da valutare la suddivisione economica dell'investimento tra i vari soggetti (considerando anche la parte urbanistica) e quindi come individuare le risorse finanziarie necessarie. La sfida è quella di aprire al più presto i cantieri in modo da completare i lavori entro il 2028, anno in cui entrerà in esercizio il tunnel di base del Brennero.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 828

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Panalpina spiega la sua chiusura in Italia
Giovedì 14 Novembre 2019
Dopo avere anticipato ai sindacati la liquidazione della filale italiana, la multinazionale logistica ha precisato i motivi del licenziamento... Leggi tutto...
Immagine
DSV azzera Panalpina in Italia
Mercoledì 13 Novembre 2019
Dopo l'acquisizione della concorrente, la compagnia danese ha avviato un processo d'integrazione di quella svizzera annunciando il licenziamento dei... Leggi tutto...
Immagine
Alibaba aumenta partecipazione in Cainiao
Martedì 12 Novembre 2019
Secondo fonti di stampa cinesi, il colosso del commercio elettronico ha rafforzato il controllo sulla società logistica investendovi altri 3,3... Leggi tutto...
Immagine
Sentenze Tar Piemonte su contributo ad Art
Lunedì 11 Novembre 2019
I Giudici amministrativi piemontesi hanno stabilito i criteri per stabilire le categorie che devono pagare il contributo all'Autorità per la... Leggi tutto...
Immagine
Ceva cambia le procedure per appalti nella logistica
Lunedì 11 Novembre 2019
Il 7 novembre 2019 la filiale italiana della multinazionale ha annunciato un nuova procedura per selezionare, qualificare e controllare le imprese... Leggi tutto...
Immagine
Dhl apre filiale a Brescia
Lunedì 11 Novembre 2019
La divisione Express della società tedesca ha inaugurato l'otto novembre 2019 un nuovo Service Center nella città lombarda che può lavorare fino a... Leggi tutto...
Immagine
Sciopero nella logistica di Piacenza per incidente
Venerdì 08 Novembre 2019
La mattina dell'8 novembre 2019 il sindacato di base SiCobas ha indetto un corteo nel distretto logistico di Castel San Giovanni dopo la morte di una... Leggi tutto...
Immagine
Alina Vălean candidata ai Trasporti dell’Unione Europea
Mercoledì 06 Novembre 2019
Il 6 novembre 2019 la presidente della Commissione Europea ha annunciato il nome della Commissaria che candiderà ai Trasporti, che dovrà però... Leggi tutto...

Ricerca