TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Emergono i difetti del ponte Morandi

E-mail Stampa PDF

I periti nominati dal Giudice per le indagini preliminari che indaga sul crollo del viadotto Polcevera dell'A10 hanno concluso l'analisi dei resti del ponte, rilevando sia difetti di fabbricazione, sia carenza della manutenzione. Sotto la lente il reperto 132.


A10 viadotto Morandi crollo camion 3 fntVdFDopo quasi un anno di lavoro sui resti del ponte Morandi crollato il 14 agosto 2018, i tre periti nominati dal Gip Angela Nutini hanno presentato la risposta al secondo quesito del primo incidente probatorio, rilevando difetti esecutivi rispetto al progetto originario e un degrado e corrosione in alcune parti, causate dalla "mancanza di interventi di manutenzione significativi". I periti hanno analizzato l'ancoraggio dei tiranti sulle sommità delle antenne sul lato meridionale (il reperto 132), che la Procura ritiene importante perché potrebbe essere quello che ha ceduto per primo. In questo pezzo, i periti hanno rilevato nei trefoli "uno stato corrosivo di tipo generalizzato di lungo periodo, dovuto alla presenza di umidità di acqua e contemporanea presenza di elementi aggressivi come solfuri e cloruri".
L'ispezione è avvenuta anche sulle parti crollate della pila 9 e sulla pila 10, che è rimasta in piedi. La perizia è una parte importante nell'indagine, che oggi ha ben 71 indagati, insieme con le società Autostrade per l'Italia e Spea per reati di omicidio colposo, omicidio stradale colposo, disastro colposo, attentato alla sicurezza del trasporti e falso. Tornando alla pila 9, quella che ha ceduto trascinando il ponte, i periti affermano che il 68% dei trefoli d'acciaio del gruppo primario, quello posto all'interno del tirante, e l'85% di quelli più all'esterno mostrano una riduzione della sezione tra il 50% e il 100%.
Dopo la diffusione di queste notizie, Autostrade per l'Italia ha comunicato le sue conclusioni, sostenendo che i periti "confermano in realtà che la capacità portante degli stralli era ampiamente garantita" perché "l'eventuale presenza di una percentuale ridottissima di trefoli corrosi fino al 100% non può in alcun modo aver avuto effetti sulla tenuta complessiva del ponte". La società aggiunge che "tutte le ipotesi sul crollo del ponte o le presunte prove regine, emerse nel corso degli ultimi mesi, non abbiano trovato finora nessuna corrispondenza oggettiva nelle analisi e nelle evidenze disponibili, finendo via via per essere smentite dai dati oggettivi. Da ultima anche questa relazione dei periti del Gip, nonostante evidenzi difetti costruttivi e condizioni di degrado compatibili con l'età dell'opera, viene letta in queste ore enfatizzando solo alcuni aspetti di degrado che non possono avere alcun nesso causale con il crollo del ponte".
Per quanto riguarda il reperto 132, Autostrade dichiara che "la relazione dei periti riporta soltanto la classificazione degli stati di corrosione dei fili di acciaio componenti i trefoli, classificazione determinata in modo sommario e quindi utilizzabile soltanto ai soli fini descrittivi. Tale classificazione consente comunque di escludere che sia stato lo strallo la causa primaria del cedimento. L'elaborato infatti evidenzia che i cavi primari non mostrano particolari segni di degrado e definisce 'duttili' le superfici di frattura della parte dello strallo collegata con l'antenna, confermando quanto già sostenuto nelle analisi dei laboratori Empa e dell'Università di Pisa".
Intanto, il Consiglio dei ministri ha prorogato di un anno lo stato di emergenza proclamato per il crollo del ponte Morandi e ha nominato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, commissario delegato. Sul versante della demolizione del viadotto, tutti i palazzi introno al ponte sono stati abbattuti e tra pochi giorni inizierà la demolizione della pila 2, l'ultima rimasta in piedi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1417

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Scontro sul rinvio della Brexit
Sabato 19 Ottobre 2019
Il 19 ottobre 2019 il Parlamento britannico ha votato l'emendamento Letwin che potrebbe aprire la porta a un possibile rinvio dell'uscita del Regno... Leggi tutto...
Immagine
Nuovi acquisti per Nuveen Real Estate e Prologis
Venerdì 18 Ottobre 2019
Sul mercato immobiliare della logistica in Lombardia a ottobre 2019 si sono chiusi due affari importanti intorno a Milano, siglati da Prologis e... Leggi tutto...
Immagine
Tar conferma che la distribuzione di pacchi è servizio postale
Giovedì 17 Ottobre 2019
La sentenza emessa il 9 ottobre 2019 dalla Prima Sezione del Tar del Lazio respinge il ricorso di alcune associazioni e trasportatori contro la... Leggi tutto...
Immagine
Evasione fiscale in coop logistica del piacentino
Mercoledì 16 Ottobre 2019
Il 16 ottobre 2019 la Guardia di Finanza di Fiorenzuola ha annunciato un'operazione nei confronti di una cooperativa che avrebbe evaso il pagamento... Leggi tutto...
Immagine
Ups estende consegne dei farmaci
Lunedì 14 Ottobre 2019
L'11 ottobre 2019 la multinazionale del trasporto ha annunciato di avere ampliato alla Lombardia e alla Liguria il servizio di trasporto a... Leggi tutto...
Immagine
Gruber nomina amministratore delegato
Venerdì 11 Ottobre 2019
Il 10 ottobre 2019, la società di autotrasporto e logistica altoatesina ha annunciato l'ingresso di Marcello Corazzola nel Consiglio di... Leggi tutto...
Immagine
Chiuse vertenze Cobas a Tigotà e Fercam
Venerdì 11 Ottobre 2019
I sindacati di base cantano vittoria dopo gli scioperi attuati nelle piattaforme logistiche delle due società, partiti a Broni e Brescia. E rilancia... Leggi tutto...
Immagine
Honda Logistics chiuderà in GB
Giovedì 10 Ottobre 2019
Il ramo che gestisce la logistica automotivce del costruttore automobilistico giapponese ha annunciato che terminerà le attività nel 2021, in... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed