TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Illegittimo il pedaggio per i soli veicoli esteri

E-mail Stampa PDF

Con una sentenza emessa a giugno 2019, la Corte di Giustizia Europea stabilisce l'illegittimità del canone per l'uso delle infrastrutture stabilito dalla Germania per gli autoveicoli con targa estera.


Germania autostrada portale Maut camion fntTollCollectImporre un pagamento per circolare sulle strade di un Paese comunitario ai soli veicoli esteri non è legittimo. Lo ha definitivamente stabilito la Corte di Giustizia Europea con la sentenza della causa C-591/17 intentata dall'Austria contro la Germania. Nel 2015, il Governo tedesco ha predisposto in contesto giuridico per attuare (senza però ancora farlo) un "canone per l'uso delle infrastrutture", ossia autostrade e strade federali, che in teoria dovrà essere pagato da tutti. I proprietari di autoveicoli immatricolati in Germania dovranno versare una quota fissa annuale fino a 130 euro, mentre i veicoli stranieri pagheranno delle vignette a tempo, ma solo se useranno le autostrade: fino a dieci giorni (da 2,50 a 25 euro), fino a due mesi (da 7 a 50 euro) o fino a un anno (130 euro al massimo). Ma per favorire i propri cittadini, il provvedimento stabilisce che i veicoli immatricolati in Germania beneficeranno di un'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per un importo almeno equivalente a quello del canone da essi versato.
Questa soluzione però non è piaciuta all'Austria, secondo cui il combinato effetto del canone per l'uso delle infrastrutture e dell'esenzione dalla tassa sugli autoveicoli per i veicoli immatricolati in Germania nonché le modalità di configurazione e applicazione del canone per l'uso delle infrastrutture siano contrarie al diritto dell'Unione, riguardo al divieto di discriminazioni basate sulla cittadinanza. Vienna ha prima chiesto un parere alla Commissione Europea, che però non si è pronunciata, quindi ha presentato alla Corte di Giustizia un ricorso per inadempimento nei confronti della Germania, sostenuta dai Paesi Bassi (mentre la Danimarca ha sostenuto la Germania).
Nella sentenza del 18 giugno 2019, la Corte ha dato ragione all'Austria, sostenendo che il provvedimento tedesco costituisce una discriminazione indiretta basata sulla cittadinanza e una violazione dei principi della libera circolazione delle merci e della libera prestazione dei servizi, perché la compensazione prevista per i veicoli tedeschi fa gravare il canone solo sui veicoli stranieri. Per quanto concerne la libera circolazione delle merci, la Corte constata che le misure controverse possono ostacolare l'accesso al mercato tedesco dei prodotti provenienti da altri Stati membri. Infatti, il canone per l'uso delle infrastrutture al quale sono soggetti, di fatto, unicamente i veicoli che trasportano detti prodotti può aumentare i costi di trasporto e, di conseguenza, il prezzo di questi prodotti, incidendo così sulla loro competitività.
Questa sentenza è importante non solo per la Germania, ma anche per evitare che discriminazioni simili vengano prese in altri Paesi comunitari. Per esempio, in Francia dopo il ritiro dell'ecotaxe, una delle proposte del Governo prevede una vignetta solo per i veicoli industriali stranieri, ipotesi che ricadrebbe pienamente in quanto contestato dai giudici comunitari. È interessante notare che questo è solo l'ottavo caso che un Paese membro ricorre contro un altro alla Corte di Giustizia Europea. Potrebbe essere un'idea per il Governo italiano nei confronti della stessa Austria per le limitazioni alla circolazione dei veicoli pesanti lungo il Brennero.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1118

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Scontro sul rinvio della Brexit
Sabato 19 Ottobre 2019
Il 19 ottobre 2019 il Parlamento britannico ha votato l'emendamento Letwin che potrebbe aprire la porta a un possibile rinvio dell'uscita del Regno... Leggi tutto...
Immagine
Nuovi acquisti per Nuveen Real Estate e Prologis
Venerdì 18 Ottobre 2019
Sul mercato immobiliare della logistica in Lombardia a ottobre 2019 si sono chiusi due affari importanti intorno a Milano, siglati da Prologis e... Leggi tutto...
Immagine
Tar conferma che la distribuzione di pacchi è servizio postale
Giovedì 17 Ottobre 2019
La sentenza emessa il 9 ottobre 2019 dalla Prima Sezione del Tar del Lazio respinge il ricorso di alcune associazioni e trasportatori contro la... Leggi tutto...
Immagine
Evasione fiscale in coop logistica del piacentino
Mercoledì 16 Ottobre 2019
Il 16 ottobre 2019 la Guardia di Finanza di Fiorenzuola ha annunciato un'operazione nei confronti di una cooperativa che avrebbe evaso il pagamento... Leggi tutto...
Immagine
Ups estende consegne dei farmaci
Lunedì 14 Ottobre 2019
L'11 ottobre 2019 la multinazionale del trasporto ha annunciato di avere ampliato alla Lombardia e alla Liguria il servizio di trasporto a... Leggi tutto...
Immagine
Gruber nomina amministratore delegato
Venerdì 11 Ottobre 2019
Il 10 ottobre 2019, la società di autotrasporto e logistica altoatesina ha annunciato l'ingresso di Marcello Corazzola nel Consiglio di... Leggi tutto...
Immagine
Chiuse vertenze Cobas a Tigotà e Fercam
Venerdì 11 Ottobre 2019
I sindacati di base cantano vittoria dopo gli scioperi attuati nelle piattaforme logistiche delle due società, partiti a Broni e Brescia. E rilancia... Leggi tutto...
Immagine
Honda Logistics chiuderà in GB
Giovedì 10 Ottobre 2019
Il ramo che gestisce la logistica automotivce del costruttore automobilistico giapponese ha annunciato che terminerà le attività nel 2021, in... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed