TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Alptransit sud inizierà lavori in anticipo

E-mail Stampa PDF

Il ministero dei Trasporti (Datec) della Svizzera anticipa i tempi di realizzazione della bretella meridionale della nuova ferrovia transalpina. La tratta tra Lugano e Chiasso sarà suddivisa in due tappe, la prima fino a Melano da far partire al più presto.


FFS Cargo treno montagne semirimorchiAlptransit sud si farà e molto prima di quanto previsto inizialmente. L'impegno, per certi versi assolutamente inatteso, è contenuto in un atto formale sottoscritto dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga a capo del Datec (in pratica il ministero dei Trasporti svizzero). La tratta a sud di Lugano che completa verso l'Italia il corridoio della nuova ferrovia transalpina conosciuta come progetto Alptransit, a dire il vero era già prevista, ma inserita in quella che si chiama "fase di ampliamento 2035 dell'infrastruttura ferroviaria svizzera". Un lavoro già pianificato, dunque, ma in un orizzonte temporale molto spostato in avanti, anche se il progetto Alptransit sud non è semplicemente una linea disegnata sulla carta ma ha già un grado di dettaglio piuttosto elevato. Perché dunque questo colpo di acceleratore?
Perché il Datec pensa di suddividere la tratta che va da Lugano a Chiasso in due lotti da realizzare a tappe, la prima delle quali dovrebbe essere quella che collega Melano, località sulle sponde del lago di Lugano ai piedi del Monte Generoso, con Chiasso. Si tratta di una manciata di chilometri, poco più di dieci, relativamente semplici da realizzare. Il Datec precisa che sono già stati realizzati studi idrogeologici nell'area del ponte-diga di Melide e un'analisi geologica approfondita per quanto riguarda il Monte Generoso. Questi sondaggi rendono possibile l'ipotesi di partire con una prima tappa da Chiasso a Melano. Prima di procedere dal punto di vista operativo occorre però attendere l'aggiornamento della "Prospettiva a lungo termine della ferrovia", uno strumento che sarà discusso e varato dal parlamento svizzero nel 2022.
Si tratta dunque di tempi tecnici da rispettare, anche se sarà possibile anticipare abbondantemente la prospettiva del 2035. La suddivisione in due tappe consente comunque di avviare un progetto che sembrava confinato nelle buone intenzioni a causa sia dei costi di realizzazione (stimati in cinque miliardi di euro), sia per l'impegno tecnico non indifferente. Scartata l'ipotesi di un quadruplicamento in sede per l'impatto ambientale devastante, tra Lugano e Chiasso erano state prospettate quattro varianti di tracciato, due a ovest e due a est lungo l'attuale direttrice. Le due varianti occidentali comportavano una sfida tecnica rilevante perché una prevedeva di attraversare il lago con un ponte sommerso, la seconda con un ponte classico ma con fondazioni particolarmente complesse vista la profondità dello specchio d'acqua. L'ipotesi ora avanzata, quella di realizzare una prima tappa tra Chiasso e Melano mette dunque un punto fermo sulla scelta del tracciato, quello a est lungo il braccio sud del Ceresio. In una fase successiva si dovrà stabilire come attraversare il lago e ricongiungersi con Lugano e soprattutto con l'interconnessione merci a nord, in località Vezia dove termina il tunnel di base del Ceneri.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1164

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Piattaforma Gefco a udine per automotive
Venerdì 14 Giugno 2019
La società logistica francese ha aperto a giugno 2019 un impianto dedicato alla rete di vendita di ricambi auto Dealernet. Leggi tutto...
Immagine
Sciopero dei sindacati di base alla Gls Enterprise
Mercoledì 12 Giugno 2019
L'11 giugno 2019 le sigle SiCobas e Adl Cobas hanno organizzato uno sciopero nazionale dei facchini e degli autisti del corriere espresso, che ha... Leggi tutto...
Immagine
Incidente nella movimentazione merci di Malpensa
Mercoledì 12 Giugno 2019
Il 12 giugno 2019 un operaio di 49 anni è stato schiacciato da un carrello elevatore nella piattaforma Dhl dello scalo aereo milanese. I sindacati... Leggi tutto...
Immagine
Albini & Pitigliani cresce in Spagna
Martedì 11 Giugno 2019
La casa di spedizioni italiana ha costituito una joint venture con BCN Euroexpress Iberica per il trasporto internazionale. Leggi tutto...
Immagine
Poste rafforza alleanza con Amazon
Lunedì 10 Giugno 2019
Il 10 giugno 2019 la società portale italiana annuncia nuovi servizi di consegna dedicati al colosso del commercio elettronico, che prevede l'invio... Leggi tutto...
Immagine
La logistica di Mercedes a Capena
Venerdì 07 Giugno 2019
Il costruttore tedesco concentra in una grande piattaforma alle porte di Roma la gestione dei ricambi delle autovetture e dei camion per tutta... Leggi tutto...
Immagine
Sindacati preoccupati per Ceva in Italia
Giovedì 06 Giugno 2019
All'inizio di giugno 2019 le tre sigle confederali hanno diffuso un comunicato che esprime preoccupazione per la situazione aziendale della filiale... Leggi tutto...
Immagine
Gazeley torna in Italia
Mercoledì 05 Giugno 2019
Lo sviluppatore immobiliare specializzato in logistica ha annunciato il 4 giugno 2019 la riapertura della filiale italiana, in una fase di crescita... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed