TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Magistrati ascoltano autista ceco sul crollo Morandi

E-mail Stampa PDF

Gli inquirenti che indagano sulle cause del cedimento del viadotto Polcevera dell'A10 hanno interrogato a Praga uno dei camionisti sopravvissuti all'incidente per chiarire l'ipotesi del coil caduta da un veicolo. Ipotesi da cui ora Autostrade per l'Italia prende le distanze.


A10 viadotto Morandi crollo camion 2 fntVdFGià poche ore dopo il crollo del ponte Morandi è spuntata su alcuni quotidiani l'ipotesi che l'evento fosse stato scatenato dal passaggio di un veicolo industriale: prima sostenendo che poteva essere stato un convoglio eccezionale, poi la caduta di una bobina d'acciaio. La prima è stata esclusa perché prima del crollo non sono passati veicoli extra-peso, la seconda è invece sopravvissuta e riemersa periodicamente perché uno degli autoarticolati precipitati dal viadotto (per fortuna senza gravi danni per l'autista) trasportava proprio un coil, caricato allo stabilimento Ilva di Genova e destinato a quello di Novi Ligure. Sia il conducente del camion, sia l'azienda di autotrasporto Mcm Autotrasporti hanno negato che il carico sia caduto prima del cedimento e d'altra parte sostenere che un ponte della dimensione del Morandi possa cedere per l'impatto di una bobina d'acciaio (che peraltro rientrava nei pesi di un normale trasporto stradale) appare alquanto bizzarro.
I magistrati devono però valutare qualsiasi ipotesi, quindi hanno deciso di verificare se effettivamente il coil è caduto dal semirimorchio prima del cedimento del Morandi e a metà febbraio 2019 sono andati a Praga per interrogare uno dei camionisti sopravvissuti all'incidente, Martin Kucera, che viaggiava con un articolato dell'azienda Sped.it dietro a quello della Mam Autotrasporti. L'uomo ha dichiarato agli inquirenti di avere rimosso una buona parte di ciò che avvenne quel giorno, ma ha negato di avere visto il coil cadere dal camion che lo precedeva. Una testimonianza che – insieme con le immagini del portacoil sul greto del Polcevera e le perizie tecniche svolte sui resti del veicolo - dovrebbe confermare l'inconsistenza della tesi della caduta della bobina.
Dopo la missione dei magistrati a Praga, anche Autostrade per l'Italia ha preso le distanza dall'ipotesi coil con una nota in cui afferma che questa tesi non è stata avanzata dalla società, bensì "da alcuni soggetti esterni all'azienda, anche del mondo accademico, presumibilmente in considerazione della particolare posizione a terra del coil". Nello stesso tempo Autostrade sembra sminuire l'importanza della testimonianza dell'autista ceco, perché aggiunge che "è opportuno ricordare che il veicolo da lui guidato è stato ritrovato a terra ad almeno 160 metri di distanza dal Tir che trasportava il coil, e che tra i due camion erano presenti numerosi altri veicoli, inclusi mezzi pesanti, peraltro in una condizione di minima visibilità, a causa dell'intensa pioggia in atto". Insomma, la società autostradale prende le distanze ma nello stesso tempo lascia aperto uno spiraglio. Comunque, conclude il comunicato, "Autostrade per l'Italia formalizzerà alle autorità competenti una ipotesi sul crollo non appena i consulenti della società avranno terminato di analizzare le informazioni disponibili per ricostruire le possibili cause, debitamente supportate da analisi numeriche e strutturali".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1674

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Poste apre mega hub per l’e-commerce
Martedì 16 Luglio 2019
Il 16 luglio 2019, Poste Italiane ha inaugurato nell'Interporto di Bologna una grande piattaforma logistica dedicata al commercio elettronico, che... Leggi tutto...
Immagine
Formazione Mbe per i Centri Servizi
Lunedì 15 Luglio 2019
All'inizio di luglio 2019 è partito il programma per la formazione nazionale nella logistica, sviluppato da Mail Boxes Etc. in collaborazione con... Leggi tutto...
Immagine
Sciopero contro il Prime Day in Germania
Lunedì 15 Luglio 2019
Il sindacato tedesco Ver.di ha proclamato due giorni di sciopero in sette piattaforme logistiche nella settimana delle offerte dedicate agli iscritti... Leggi tutto...
Immagine
Logistica lombarda in buona salute
Venerdì 12 Luglio 2019
Dopo anni di crisi, crescono le imprese in Lombardia. Positiva anche la dinamica dell'occupazione trainata dal settore magazzinaggio, mentre i... Leggi tutto...
Immagine
Cambio al vertice di Confetra
Venerdì 12 Luglio 2019
L'11 luglio 2019, l'assemblea della confederazione del trasporto ha eletto presidente Guido Nicolini, che prende il posto di Nereo Marcucci in una... Leggi tutto...
Immagine
Maersk vuole crescere nella logistica
Venerdì 12 Luglio 2019
Il Gruppo danese sta investendo per aumentare la quota di fatturato prodotta dalle attività terrestri. Il 1° agosto 2019 Maersk Logistics &... Leggi tutto...
Immagine
Logistica entra nell’Internet delle Cose
Venerdì 12 Luglio 2019
A giugno 2019, Dhl Global Forwarding ha presentato il rapporto Digital Twins for Logistics che affronta l'influenza dell'IoT nella movimentazione e... Leggi tutto...
Immagine
Gefco acquisisce Borsa carichi telematica
Giovedì 11 Luglio 2019
La società francese ha acquisito Chronotruck, la piattaforma telematica che connette spedizionieri e autotrasportatori. Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed