Camion torneranno sulla E45 tra un mese

Stampa

Dopo la riapertura del viadotto Puleto della Statale 3bis solo ai veicoli con massa complessiva fino a 3,5 tonnellate, il ministro dei Trasporti ha assicurato che entro trenta giorni potranno percorrerlo anche quelli pesanti. Legacoop Romagna stima i costi del blocco e chiede interventi di risarcimento.


Statale 3bis viadotto PuletoIl 14 febbraio 2019 la Procura ha acceso il semaforo verde per il transito dei veicoli leggeri sul viadotto Puleto della Statale 3bis, riattivando così la circolazione dopo circa un mese di blocco. Il divieto di transito resta però attivo per i veicoli industriali con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, che devono compiere lunghe deviazioni per viaggiare tra l'Umbria e l'Emilia-Romagna. Secondo una stima della Legacoop Romagna, le cooperative di autotrasporto romagnole devono pagare un sovracosto, per tali deviazioni, almeno 250mila euro al mese, percorrendo complessivamente 180mila chilometri in più. Un prezzo che potrà aumentare se la chiusura si prolungherà fino all'inizio della stagione agricola e turistica.
Per affrontare questa emergenza, Legacoop Romagna chiede un pacchetto di esenzioni e riduzioni fiscali, in modo particolare su lrap, imposta Rca, addizionali bolli, aliquota Inail per i dipendenti. L'associazione chiede anche l'esenzione dei canoni autostradali che si renderanno necessari nei percorsi alternativi alla E45 e la detassazione sui carburanti per le quote dovute agli aumenti di chilometraggio (e quindi di consumo). "È urgente attivare un fondo per l'erogazione di contributi alle imprese che, a parità di commesse, vedono aumentarsi i costi delle commesse a causa della maggiorazione chilometrica, del maggior consumo e delle ore guida", scrive Legacoop Romagna in una nota.
Durante una visita al viadotto Puleto compiuta il 15 febbraio, il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha dichiarato che il ponte potrà essere aperto ai veicoli con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate entro un mese. "Le notizie sembrano essere buone, il cantiere di Anas sta andando avanti e, mi dicono, entro trenta giorni si potrà presentare alla Procura un'altra perizia sulla tenuta del viadotto e probabilmente, dipende dalla Procura, in poche settimane si potrà riaprire anche ai mezzi pesanti per tornare finalmente alla normalità", ha affermato il ministro.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: