Novecento ponti senza un responsabile in Italia

Stampa

Il censimento compiuto dalla società stradale sulla documentazione ufficiale relativa alla proprietà di tutti i ponti e viadotti che non sono sotto la diretta gestione dell'Anas mostra che gli "orfani" sono ben 954.


CavalcaviaQuasi mille ponti che passano sopra una strada o un'autostrada dell'Anas non hanno un proprietario, o almeno egli non appare dai documenti. Questo è il risultato del censimento avviato dalla società autostradale, nell'ambito di un più ampio programma per la messa in sicurezza di queste opere. L'Anas continua a cercare la documentazione sui ponti "orfani"negli enti pubblici che gestiscono le strade su cui insistono. Se tale documentazione non comparirà, l'Anas " individuerà le migliori opzioni per garantire la sicurezza di queste infrastrutture per le quali ha già avviato, nel mese di gennaio, apposite ispezioni con il proprio personale di esercizio". In pratica, la società stradale inserirà questi ponti nel suo programma d'ispezione trimestrale e attuerà le azioni necessarie per garantire la sicurezza, salvo poi rivalendosi sui proprietari che emergeranno dalla ricerca della documentazione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: