TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Confetra e Conftrasporto contro analisi ToLi

E-mail Stampa PDF

Dopo la pubblicazione della valutazione costi-benefici della Commissione ministeriale sulla nuova ferrovia Torino-Lione le due confederazioni del trasporto hanno criticato metodo e risultato.


Torino Lione fresa Italia costruzioneCome prevedibile, il mondo del trasporto merci e della logistica non ha apprezzato il risultato della ricerca sui costi-benefici della nuova linea ferroviaria che dovrebbe correre lungo la Valsusa e che secondo la maggioranza della Commissione Ponti che la ha redatta, i costi supererebbero i benefici di sette miliardi. Il 13 febbraio 2019, poco dopo la diffusione della relazione sul web del ministero dei Trasporti, abbiamo registrato le posizioni di Confetra e Conftrasporto, due confederazioni che sono state su posizioni contrastanti in diverse situazioni, ma che su questo argomento mostrano posizioni simili. Il presidente di Confetra, Nereo Marcucci, chiede che la decisione finale sulla prosecuzione dell'opera avvenga in Parlamento, perché rientra in un trattato internazionale siglato tra Italia, Francia e Unione Europea e ratificato quattro volte in altrettante legislature.
Sullo studio, Marcucci ricorda che "le analisi costi/benefici, in ambito trasportistico, vanno condotte secondo le linee guida europee, tra l'altro recepite anche in Italia nello specifico Decreto ministeriale del 2017 relativo alla valutazione ex ante degli investimenti pubblici". Nel merito, Marcucci ritiene "creativi" i metodi usati dal professor Ponti e se li avessimo applicati anche ad altre opere "non avremmo realizzato neanche l'Alta Velocità passeggeri perché, anche in questo caso, si sono tolte milioni di auto dalle strade lungo l'asse Milano, Torino, Firenze, Bologna, Roma, Napoli. In coerenza, andrebbe allora anche cancellato il Marebonus".
Il vice-presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, attacca direttamente l'ispiratore politico del documento, ossia il Movimento Cinquestelle, che "prende in giro gli italiani". In merito alla relazione, Uggè si chiede "com'è possibile che la Torino-Lione ci costi sette miliardi di saldo negativo se, in base agli accordi internazionali, all'Italia, tra la tratta nazionale e la quota parte (al netto dei contributi di Francia e soprattutto dell'Unione Europea) di quella internazionale saranno chiesti solo 4,7 miliardi di euro?", aggiungendo che "se ai sette miliardi si tolgono i contributi di UE e Francia, nonché le spese che saranno necessarie, in base a quanto scritto dalla relazione, per il ripristino dei cantieri e la chiusura dei contenziosi, il saldo costi-benefici diventa positivo di oltre due miliardi di euro".
Anche Uggè ricorda che la nuova linea ferroviaria nasce da accordi internazionali, e quindi può essere abrogata solo da un atto parlamentare, sottolineando che la tratta Torino-Lione è parte di un corridoio europeo più lungo. Uggè si sofferma anche su alcuni aspetti operativi, affermando che non ha senso inserire il coinvolgimento degli autisti perché sui treni non saliranno veicoli completi, ma solo unità di carico intermodali, mentre la riduzione degli introiti delle accise causata dal passaggio delle merci dal camion al treno non sarebbe rilevante, perché già oggi i veicoli industriali che viaggiano su rotte internazionali si riforniscono all'estero, dove il carburante costa meno. "Per quanto riguarda l'ambiente, il calcolo non può escludere l'elevato numero di automezzi che per collegarsi alle diverse destinazioni dell'ovest europeo possono partire da Genova o da Novara o da altre località o viceversa", afferma Uggè. "È come se per verificare i costi benefici dell'Alta velocità ci si limitasse alle tratte Milano-Torino o alla Roma-Napoli. Il calcolo deve considerare tutta la tratta per avere dati complessivi".
Sul versante dei benefici, il vice-presidente di Conftrasporto rileva che lo studio non considera quelli derivanti da una maggiore sicurezza offerta dal treno: "Quanto valgono la vita e l'incolumità delle persone in tema di costi benefici? Di questo aspetto si preferisce parlare poco. Le considerazioni sopra esposte non considerano ovviamente i ritorni derivanti dall'incremento dei livelli di occupazione e dalla riduzione dell'inquinamento che improvvisamente, dopo che per anni è stata una delle tante battaglie di ecologisti e uomini di governo, sembra non avere più importanza". Tornando alle accise, Uggè nota un paradosso nell'azione del Governo: "Da un lato intende alzarle eliminando i rimborsi per i camion in quanto sussidi dannosi per l'ambiente, dall'altra, così facendo, finirà per rendere sempre meno conveniente per lo Stato la realizzazione di infrastrutture alternative alla strada e allora finirà col riempire l'Italia di strade e anziché potenziare le modalità alternative affiderà sempre più i trasporti al tutto gomma".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1698

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Germania vuole corresponsabilità nella logistica
Venerdì 20 Settembre 2019
Il 18 settembre 2019 il Governo tedesco ha approvato un disegno di Legge che rende corresponsabili i committenti di eventuali illeciti compiuti dai... Leggi tutto...
Immagine
FedEx riconosce Amazon come concorrente
Venerdì 20 Settembre 2019
Per la prima volta la multinazionale del trasporto espresso ammette che il colosso del commercio elettronico rientra tra i suoi principali... Leggi tutto...
Immagine
P&O Ferrimasters apre logistica a Rotterdam
Venerdì 20 Settembre 2019
La società intermodale britannica ha inaugurato una piattaforma di 17mila metri quadrati all'Europoort per servire le attività intercontinentali... Leggi tutto...
Immagine
Amazon ordina 100mila furgoni elettrici
Giovedì 19 Settembre 2019
Nel pomeriggio del 19 settembre 2019 il colosso del commercio elettronico ha annunciato l'acquisto di una grande flotta di veicoli commerciali... Leggi tutto...
Immagine
La logistica di Tom Ford lascia la Svizzera per l’Italia
Giovedì 19 Settembre 2019
Dopo Kering, gruppo di alta moda cui fanno capo brand come Gucci, Bottega Veneta e Saint Laurent, un altro nome noto del fashion sposterà le sue... Leggi tutto...
Immagine
Inchiesta sulla sicurezza dei rider
Giovedì 19 Settembre 2019
La Procura di Milano ha avviato un'indagine su diversi aspetti del lavoro dei ciclo-fattorini, puntando soprattutto sulle norme sulla sicurezza.... Leggi tutto...
Immagine
Cambio al vertice di Palletways Italia
Giovedì 19 Settembre 2019
Massimiliano Peres, nominato a gennaio 2019 Managing Director della società specializzata nel trasporto espresso di pallet assume anche la funzione... Leggi tutto...
Immagine
Ceva rinnova contratto alla Città del Libro
Mercoledì 18 Settembre 2019
La filiale italiana della multinazionale logistica annuncia il 18 settembre 2019 di avere rinnovato il contratto di collaborazione con Messaggerie... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed