TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Autotrasporto contro il filtraggio al Brennero

E-mail Stampa PDF

Dopo l'incontro tra i presidenti delle Province di Bolzano e Trento e quello del Tirolo austriaco, che hanno prospettato l'ipotesi di limitare il transito dei veicoli industriali sull'autostrada A22, gli autotrasportatori chiedono viceversa la libera circolazione sulle 24 ore.


Autostrada Brennero viadotto alto camionL'8 febbraio si è svolto a Bolzano un vertice convocato dal presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, cui hanno partecipato il commissario del Governo Vito Cusumano, il presidente della provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e i vice-presidenti del Tirolo austriaco Ingrid Felipe e Josef Geisler, per discutere di nuove misure da intraprendere sul traffico pesante lungo l'asse del Brennero, dopo il blocco di quindici ore causato dalla neve nella notte tra l'1 e il 2 febbraio. Uno dei provvedimenti decisi è attuare un dosaggio dei veicoli industriali in caso di eventi eccezionali, con il loro blocco già nella parte pianeggiante dell'autostrada A22.
Questo provvedimento ha scatenato la dura reazione delle associazioni italiane dell'autotrasporto. "Il dosaggio dei mezzi pesanti è una follia", ha dichiarato il vice-presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, spiegando che è anche "un controsenso: distribuire il traffico in cinque giornate anziché in sette, non fa che concentrarne la consistenza diminuendone la fluidità e facendo di conseguenza crescere l'inquinamento atmosferico". Uggè conclude affermando che "le misure adottate dall'Austria e condivise dai partecipanti al vertice di venerdì scorso non solo sono repressive e vanno contro l'Unione Europea, ma danneggiano l'intera economia del nostro Paese, che si muove grazie al sistema dei trasporti. Un sistema che non può essere bloccato né limitato in questo modo assurdo".
L'associazione confindustriale Anita chiede esplicitamente l'apertura sulle 24 ore dei giorni feriali dell'asse del Brennero per la circolazione dei veicoli pesanti perché "la ferrovia non è ancora in grado di costituire una valida alternativa per trasportare carichi aggiuntivi, in termini di capacità dei terminal e disponibilità sulle tratte ferroviarie". Per dimostrare questa affermazione, l'Anita porta il caso del terminal ferroviario di Colonia Eiffeltor, che il 5 febbraio 2019 ha raggiunto il limite della propria capacità, disponendo il blocco di accettazione dei carichi fino al giorno successivo. Inoltre, "RFI lo scorso venerdì 1° febbraio, quando si stava preannunciando la criticità sull'Autobrennero, a partire da mezzogiorno ha parzialmente e dalla sera completamente bloccato il trasporto merci via ferrovia attraverso il Brennero, mantenendo questo blocco fino al mezzogiorno di lunedì 4 febbraio". Il presidente dell'associazione, Thomas Baumgartner ha dichiarato che "noi operatori, quando ci è consentito, utilizziamo la ferrovia il più possibile per non oberare l'Autobrennero durante il giorno e per evitare in futuro altre situazioni caotiche in strada. Attualmente, non ci sono le condizioni per un maggiore trasferimento dalla strada alla rotaia", quindi "il Tirolo deve intervenire e concedere il passaggio notturno degli automezzi pesanti",
Sulla questione del Brennero è intervenuto anche il presidente di Confartigianato Trasporti, Amedeo Genedani, per cui "è giunto il momento di superare un dibattito ormai stanco ed improduttivo sull'A22 e sul Brennero che è l'unica porta d'ingresso ai mercati dell'Europa centrale e del Nord per le produzioni italiane. È indispensabile che ciascuno faccia la propria parte per governare la situazione prodottasi". In concreto, Confartigianato chiede che le due Provincie di Bolzano e Trento "facciano squadra col ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Toninelli e il Governo centrale e, seguendo l'esempio delle parti sociali, sostengano con forza in tutte le sedi la contrarietà dell'Italia alle misure unilaterali di divieto imposte dall'Austria. L'Italia tutta sia unita, con un'unica voce, nei confronti dell'Austria, che celandosi dietro ragioni di carattere ambientale, sta arrecando danni enormi all'economia italiana".
La questione, aggiunge Genedani, deve investire anche la Conferenza Stato-Regioni, che è la sede privilegiata della negoziazione politica tra le Amministrazioni centrali e il sistema delle autonomie regionali. In concreto, anche l'associazione artigianale chiede l'apertura 24 ore dell'asse del Brennero e la revoca del divieto di sorpasso dei veicoli industriali sull'autostrada A22, introducendo il sorpasso dinamico (ossia con divieti variabili in funzione delle condizioni di traffico). "Per di più occorre che la dirigenza della A22 rifletta pure sulle cause che le recenti nevicate hanno evidenziato sia in termini d'informazione che di apprestamenti di sicurezza statica e dinamica purtroppo limitati ed insufficienti", conclude Genedani.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 822

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Allarme sindacale sulla crisi di Sgt
Venerdì 22 Marzo 2019
Il sindacato di base Usb denuncia l'inattività di alcune filiali del corriere, mentre il SiCobas ha organizzato il 21 marzo 2019 un presidio al... Leggi tutto...
Immagine
Rhenus acquisisce in Canada e Sud Africa
Giovedì 21 Marzo 2019
La compagnia logistica tedesca potenzia la sua posizione nei due Paesi tramite l'acquisizione degli spedizionieri Rodair Group e di World Net... Leggi tutto...
Immagine
Fusione nella movimentazione per la logistica
Mercoledì 20 Marzo 2019
Alma Logistica & Servizi intende prendere in affitto il ramo d'azienda Logistica Integrata della società napoletana Lct Igea Logistics and Job,... Leggi tutto...
Immagine
Spedizionieri, un’attività da rinnovare
Mercoledì 20 Marzo 2019
La neo-presidente di Fedespedi, Silvia Moretto indica la via per rilanciare una categoria che è a rischio, schiacciata tra le multinazionali del... Leggi tutto...
Immagine
Cma Cgm conquista Ceva Logistics
Martedì 19 Marzo 2019
Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, la mattina del 19 marzo 2019 la società logistica ha ufficialmente dichiarato che la compagnia marittima... Leggi tutto...
Immagine
Gefco scorpora le attività Overseas
Lunedì 18 Marzo 2019
La società logistica francese annuncia che la filiale italiana cederà il ramo d'azienda delle spedizioni internazionali alla nuova società Gefco... Leggi tutto...
Immagine
Msc acquisisce due spedizionieri
Venerdì 15 Marzo 2019
Il gruppo fondato da Aponte ha assunto il controllo delle società di spedizione Atlantic Speditions e Searunner Shipping Leggi tutto...
Immagine
Prosegue lo sciopero alla Dhl
Venerdì 15 Marzo 2019
Anche il 15 marzo 2019 facchini e autisti che lavorano per conto del trasportatore tedesco hanno svolto presidi davanti ad alcune piattaforme... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed