TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Otto condanne per incidente bus sull’A16

E-mail Stampa PDF

L'11 gennaio 2018 il giudice monocratico del Tribunale di Avellino ha emesso la sentenza sull'incidente stradale che il 28 luglio 2013 causò 40 morti sull'autostrada Napoli-Avellino. Tra i condannati anche sei dirigenti di Società Autostrade, ma assolto l'amministratore delegato Castellucci.


Incidente A16 autobus Acqualonga simulazione fntPoliziaLa sentenza di primo grado per l'incidente che il 28 luglio causò la caduta di un autobus da turismo dal viadotto Acqualonga dell'autostrada A16 era attesa, perché tra i quindici imputati ben dodici sono dipendenti o ex dipendenti della società Autostrade per l'Italia, che gestisce quel tratto autostradale. La società è stata coinvolta perché accusata di scarsa manutenzione dei guardrail, che sarebbero una concausa della caduta dell'autobus. La causa principale resta il guasto all'autobus precipitato, che ha disattivato l'impianto frenate mentre il veicolo stava percorrendo una lunga discesa, durante la quale ha urtato e sfondato il guardrail del viadotto, precipitando per 25 metri nella scarpata e uccidendo 40 persone. Una perizia portata dall'accusa stabilisce che i sostegni dei guardrail erano consumati, probabilmente dall'azione del sale antighiaccio, e quindi non avevano trattenuto l'autobus.
Dei dodici dipendenti (o ex) di Società Autostrade, la sentenza del giudice monocratico Luigi Buono ne ha assolti sei, tra cui l'amministratore delegato Giovanni Castellucci (per tutti loro il pubblico ministero Rosario Cantelmo aveva chiesto dieci anni di reclusione), condannando gli altri per omicidio colposo plurimo e disastro colposo a pene comprese tra sei e cinque anni. La condanna più pesante è destinata Gennaro Lametta, titolare dell'agenzia Mondo Travel proprietaria dell'autobus (di cui fratello Ciro era l'autista, compreso nella lista dei deceduti) che per omicidio colposo plurimo, disastro colposo e falso per la revisione del bus ha avuto dodici anni di carcere. Tra gli imputati c'erano anche due funzionari della Motorizzazione Civile di Napoli, perché l'autobus aveva una falsa certificazione di revisione: una funzionaria è stata condannata a otto anni per avere registrato il documento, mentre un altro è stato assolto perché ha dimostrato che la firma in fondo al documento non era sua. Dopo la lettura della sentenza è esplosa l'ira dei familiari delle vittime contro le assoluzioni, soprattutto quelle dei vertici della Società Autostrade.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1562

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Due arresti per frode nella logistica a Firenze
Lunedì 21 Gennaio 2019
All'alba del 18 gennaio 2019, la Guardia di Finanza ha eseguito l'arresto di due imprenditori accusati di avere frodato il Fisco tramite un sistema... Leggi tutto...
Immagine
Inizia la guerra per la conquista di Panalpina?
Lunedì 21 Gennaio 2019
Secondo la società di ricerca TransportIntelligence, l'offerta di Dsv per acquisire il controllo della società di spedizione e logistica svizzera... Leggi tutto...
Immagine
Punto Franco nell'area logistica Bagnoli di Trieste
Venerdì 18 Gennaio 2019
Il 18 gennaio 2018, l'ASP del Mare Adriatico Orientale ha annunciato che la nuova area logistica retroportuale di proprietà dell'Interporto di... Leggi tutto...
Immagine
Nuovo responsabile P3 per Europa occidentale
Venerdì 18 Gennaio 2019
Il 16 gennaio 2018 P3 Logistic Parks ha annunciato la nomina di Andrea Amoretti come Head of Construction per l'area Europa Occidentale, che mostra... Leggi tutto...
Immagine
Sofrilog potenzierà logistica in Marocco
Giovedì 17 Gennaio 2019
La società francese specializzata nello stoccaggio e nel trasporto di prodotti a temperatura controllata aprirà entro il 2020 una piattaforma con... Leggi tutto...
Immagine
Spedizionieri GB si preparano alla Brexit
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Il giorno dopo il voto che ha bocciato in Gran Bretagna l'accordo sull'uscita dall'Unione Europea, l'associazione britannica Bifa invita gli... Leggi tutto...
Immagine
GB boccia accordo Brexit, incognite per la logistica
Mercoledì 16 Gennaio 2019
La sera del 15 gennaio 2019, il Parlamento britannico ha respinto con ampia maggioranza la bozza dell'accordo firmato dal Primo ministro Theresa May... Leggi tutto...
Immagine
Corte UE conferma annullamento divieto acquisto di Tnt da Ups
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Il 16 gennaio 2019 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha confermato l'annullamento della decisione dell'Antitrust che ha bloccato... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed