TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Undici aumenti dei pedaggi autostrade a gennaio 2019

E-mail Stampa PDF

Il ministro dei Trasporti ha rinviato l'aumento del pedaggio sull'88,75% della rete autostradale italiane, ma le tariffe sono aumentate dal 1° gennaio su undici tratte. A luglio aumenterà anche Autostrade per l'Italia.

Autostrada Brebemi Casello BarianoIl ministro Toninelli ha comunicato sul suo profilo Facebook il 31 dicembre 2018 di avere bloccato gli aumenti dei pedaggi autostradali chiesti dai gestori per il "90% della rete". Ma non ha precisato che cosa accade sul restante dieci percento e al 3 gennaio non esiste alcun documento visibile sul sito web del ministero dei Trasporti che lo spieghi. Lo ha fatto un articolo pubblicato il 3 gennaio 2018 dal Sole 24 Ore, che ha visto una comunicazione della Direzione generale della vigilanza ministeriale sulle concessioni autostradali datata 2 gennaio. Secondo l'articolo del quotidiano confindustriale, "ad oggi sono percorribili senza rincari 5.208 chilometri. Cioè l'88,75% della lunghezza complessiva della rete autostradale nazionale a pedaggio (5.868 chilometri)". Nei restanti 660 chilometri i pedaggi sono aumentati in misura diversa secondo la tratta autostradale, coinvolgendo undici delle ventisei concessionarie autostradali.
Le principali arterie che mostrano un aumento sono la Torino-Piacenza-Brescia, l'Autostrada della Cisa, la Torino-Savona, la Savona-Ventimiglia, le Tangenziali di Milano e la Milano-Serravalle. Il Sole aggiunge che "va dato atto a Toninelli che gli aumenti da lui autorizzati sono tra i più bassi dell'ultimo decennio", precisando anche che non è la prima volta che sono sospesi gli aumenti previsti per il 1° gennaio: avvenne anche nel 2014, per poi essere ripristinati dal Tar.
Secondo l'articolo del Sole, la principale società concessionaria, Autostrade per l'Italia, rinvia l'aumento solo per i primi sei mesi, ma dal 1° luglio 2019 applicherà un incremento dei pedaggi dello 0,81%, a fronte di una richiesta dello 0,87%. Le Tangenziali di Milano e la Milano-Serravalle hanno invece sospeso l'aumento fino al 31 gennaio, ma dal 1° febbraio aumenteranno i pedaggi del 2,62% (contro una richiesta del 2,64%). La concessionaria Rav (Raccordo Autostradale Valle d'Aosta) ha ottenuto un aumento del 6,32% (soddisfacendo pienamente le sue richieste), esonerando però i pendolari con Telepass per tutto il 2019, mentre Strada dei Parchi (A24 e A25) ha ottenuto un aumento del 5,59% (contro una richiesta del 6,94%), decidendo però di sospenderlo fino al 30 giugno 2019.
Gli aumenti già in vigore riguardano le seguenti concessionarie: Salt (tronco Autocisa) 1,86%, Autostrada dei Fiori (tronco A10) 0,71%, Tangenziale di Napoli 1,82% (solo per i veicoli pesanti), Sitaf (barriera di Avigliana e Salbertrand) 6,71%, Autostrada dei Fiori (tronco A6 Torino-Savona) 2,22%, Cav (Concessioni Autostradali Venete) 2,06%, Pedemontana Lombarda 1,20%, TEEM (Tangenziale Est Esterna di Milano) 2,20%, Brebemi (Milano-Brescia) 4,19%. Le società che gestiscono Teem e Brebemi hanno confermato anche per il 2019 lo sconto del 20% per i pendolari con Telepass e registrati. L'aumento medio è dello 0,83%.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1842

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Due arresti per frode nella logistica a Firenze
Lunedì 21 Gennaio 2019
All'alba del 18 gennaio 2019, la Guardia di Finanza ha eseguito l'arresto di due imprenditori accusati di avere frodato il Fisco tramite un sistema... Leggi tutto...
Immagine
Inizia la guerra per la conquista di Panalpina?
Lunedì 21 Gennaio 2019
Secondo la società di ricerca TransportIntelligence, l'offerta di Dsv per acquisire il controllo della società di spedizione e logistica svizzera... Leggi tutto...
Immagine
Punto Franco nell'area logistica Bagnoli di Trieste
Venerdì 18 Gennaio 2019
Il 18 gennaio 2018, l'ASP del Mare Adriatico Orientale ha annunciato che la nuova area logistica retroportuale di proprietà dell'Interporto di... Leggi tutto...
Immagine
Nuovo responsabile P3 per Europa occidentale
Venerdì 18 Gennaio 2019
Il 16 gennaio 2018 P3 Logistic Parks ha annunciato la nomina di Andrea Amoretti come Head of Construction per l'area Europa Occidentale, che mostra... Leggi tutto...
Immagine
Sofrilog potenzierà logistica in Marocco
Giovedì 17 Gennaio 2019
La società francese specializzata nello stoccaggio e nel trasporto di prodotti a temperatura controllata aprirà entro il 2020 una piattaforma con... Leggi tutto...
Immagine
Spedizionieri GB si preparano alla Brexit
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Il giorno dopo il voto che ha bocciato in Gran Bretagna l'accordo sull'uscita dall'Unione Europea, l'associazione britannica Bifa invita gli... Leggi tutto...
Immagine
GB boccia accordo Brexit, incognite per la logistica
Mercoledì 16 Gennaio 2019
La sera del 15 gennaio 2019, il Parlamento britannico ha respinto con ampia maggioranza la bozza dell'accordo firmato dal Primo ministro Theresa May... Leggi tutto...
Immagine
Corte UE conferma annullamento divieto acquisto di Tnt da Ups
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Il 16 gennaio 2019 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha confermato l'annullamento della decisione dell'Antitrust che ha bloccato... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed