TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cinque assi per la ferrovia Torino-Lione

E-mail Stampa PDF

Telt, responsabile della realizzazione della sezione transfrontaliera, ha realizzato una serie di filmati in cui si fa il punto dei lavori, si ricordano le carenze dell'attuale galleria e i vantaggi del nuovo tracciato.

Ferrovia Torino Lione cantiere apertoOffensiva mediatica di Telt, il promotore pubblico responsabile della realizzazione e della gestione della sezione transfrontaliera della futura Torino-Lione. Attraverso cinque cortometraggi resi disponibili nel proprio sito internet, la società fa il punto sui lavori in corso, sulle carenze del tunnel storico, sui vantaggi per l'occupazione e la crescita economica e sui motivi che stanno alla base della realizzazione del nuovo tracciato anche nell'insieme della rete europea.
In particolare il primo video ricorda come alla fine del 2018 sono stati scavati tra Italia e Francia 25 chilometri tra gallerie, discenderie e cunicoli di servizio pari al 15% dell'intera opera. In particolare si ricorda il cantiere in corso, operativo su tutto l'arco della giornata e della settimana che ha raggiunto sei chilometri sul tracciato meridionale del futuro tunnel di base.


Il secondo video fa una disamina della linea storica del Frejus dove nonostante i lavori di parziale ammodernamento nel 2011 permangono forti limiti alla circolazione, dovuti essenzialmente alla sicurezza in quanto il traforo voluto da Cavour e inaugurato nel 1871 resta sempre lo stesso, a una sola canna e senza vie di fuga in caso di emergenza. Per questo motivo il traffico merci e passeggeri è limitato a un massimo di 62 treni al giorno che si spingono fino ai 1300 metri per percorrere la galleria esistente.


Il terzo filmato analizza gli aspetti economici e i risvolti sia per l'occupazione in fase di costruzione sia e soprattutto per le ricadute una volta che la tratta sarà in esercizio. Viene ricordato il recente studio del Gruppo Clas per cui un euro speso per l'opera produce un contributo di 3,77 euro al Pil italiano. Anche perché l'opera non potrà che rafforzare le relazioni commerciali tra Italia e Francia che già oggi valgono 81 miliardi di euro l'anno.


Con il quarto filmato si pone il quesito sul perché realizzare il nuovo tunnel. Il video ricorda che lungo l'arco alpino sono in costruzione (se non già in esercizio) sette tunnel di base ferroviari che hanno lo scopo di sostituire i trafori storici ottocenteschi perché non più rispondenti alle realtà attuali: oltre al Moncenisio sulla Torino-Lione abbiamo il Lötschberg di 34,6 km (aperto nel 2007), il San Gottardo di 57 km (aperto nel 2016), il Ceneri di 15,4 km (in avanzata fase di costruzione con apertura nel 2020), il Brennero di 56 km, la Koralm di 32,9 km (inserita in una nuova linea di 130 km) e il Semmering di 27 km. E tutto questo mentre il tunnel tra Italia e Francia voluto da Cavour a metà '800 ha raggiunto la saturazione senza tuttavia rappresentare un'alternativa vantaggiosa al trasporto su gomma in quanto oggi il 92% del traffico merci tra i due paesi viaggia su strada. Con il nuovo tunnel scavato alla base della montagna si avrà un risparmio energetico del 40% e l'abbattimento dei gas inquinanti.

L'ultimo video proposto da Telt parla della rete ferroviaria europea nella quale si inserisce ad ampio respiro la nuova Torino-Lione.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1268

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Due arresti per frode nella logistica a Firenze
Lunedì 21 Gennaio 2019
All'alba del 18 gennaio 2019, la Guardia di Finanza ha eseguito l'arresto di due imprenditori accusati di avere frodato il Fisco tramite un sistema... Leggi tutto...
Immagine
Inizia la guerra per la conquista di Panalpina?
Lunedì 21 Gennaio 2019
Secondo la società di ricerca TransportIntelligence, l'offerta di Dsv per acquisire il controllo della società di spedizione e logistica svizzera... Leggi tutto...
Immagine
Punto Franco nell'area logistica Bagnoli di Trieste
Venerdì 18 Gennaio 2019
Il 18 gennaio 2018, l'ASP del Mare Adriatico Orientale ha annunciato che la nuova area logistica retroportuale di proprietà dell'Interporto di... Leggi tutto...
Immagine
Nuovo responsabile P3 per Europa occidentale
Venerdì 18 Gennaio 2019
Il 16 gennaio 2018 P3 Logistic Parks ha annunciato la nomina di Andrea Amoretti come Head of Construction per l'area Europa Occidentale, che mostra... Leggi tutto...
Immagine
Sofrilog potenzierà logistica in Marocco
Giovedì 17 Gennaio 2019
La società francese specializzata nello stoccaggio e nel trasporto di prodotti a temperatura controllata aprirà entro il 2020 una piattaforma con... Leggi tutto...
Immagine
Spedizionieri GB si preparano alla Brexit
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Il giorno dopo il voto che ha bocciato in Gran Bretagna l'accordo sull'uscita dall'Unione Europea, l'associazione britannica Bifa invita gli... Leggi tutto...
Immagine
GB boccia accordo Brexit, incognite per la logistica
Mercoledì 16 Gennaio 2019
La sera del 15 gennaio 2019, il Parlamento britannico ha respinto con ampia maggioranza la bozza dell'accordo firmato dal Primo ministro Theresa May... Leggi tutto...
Immagine
Corte UE conferma annullamento divieto acquisto di Tnt da Ups
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Il 16 gennaio 2019 la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha confermato l'annullamento della decisione dell'Antitrust che ha bloccato... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed