TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Emergenza traffico su A4, limiti all’ingresso dei camion

E-mail Stampa PDF

Dopo una serie di gravi incidenti stradali che hanno coinvolto i veicoli pesanti, la Fita Cna ha definito l'arteria "insanguinata" e chiede limiti ai camion provenienti dall'estero. Il piano estivo prevede la riduzione della velocità per i veicoli industriali e il loro filtraggio, anche alle frontiere.


Incidente A4 Cessalto giugno2018 fntVdFLe cronache degli ultimi mesi hanno mostrato una serie di gravi incidenti, alcuni dei quali mortali, sul tratto friulano dell'autostrada A4, dove sono attivi i cantieri per la realizzazione della terza corsia. La situazione si è aggravata al punto che Fita Cna ha definito questa arteria "insanguinata", accusando la società di gestione non solo per i cantieri, ma anche per gli scarsi controlli sui limiti di velocità e per la carenza di segnaletica e di safety car. Inoltre, l'associazione dell'autotrasporto sottolinea che sull'autostrada viaggiano numerosi camion stranieri i cui autisti non rispettano gli orari di guida e di riposo. L'A4 sarebbe quindi "un tragico scenario dove si guida su asfalto bagnato dal sangue, tra detriti, carcasse di auto e camion ribaltati", come ha dichiarato il presidente di Fita Friuli Venezia Giulia, Giosualdo Quaini.
I cantieri per la costruzione della terza corsia resteranno almeno fino al 2021, quindi secondo la Fita bisogna adottare alcuni provvedimenti per aumentare la sicurezza stradale. L'associazione propone di aumentare la segnaletica, estendere il limite di velocità a 60 km/h per tutti i veicoli sino alla fine del cantiere, ossia da Palmanova a Portogruaro, e inserire su tale percorso una safety car a intervalli fissi per rallentare il traffico. Se non si attueranno interventi, prosegue Quaini, ci attende un'estate di "lacrime e sangue". Oltre alle vittime, gli incidenti stradali causano anche enormi ritardi all'autotrasporto, a causa delle inevitabili attese che ne conseguono e della perdita di ore di guida in coda. Secondo Quaini, oggi è impossibile programmare due viaggi a Milano dal Friuli, perché basta restare in coda per due ore per far perdere all'autista un giorno interno.
La Fita chiede anche misure per controllare e contenere i veicoli industriali provenienti dall'estero e denuncia che molti autisti non rispettano le ore di guida e di riposo e hanno in cabina "litri di alcool". Quaini prefigura "uno scenario indecoroso sull'A4, con camionisti stranieri che dormiranno su brande in stazioni di servizio intasate". Una situazione che potrebbe aggravarsi con l'ampliamento del parcheggio di Lisert, a Trieste, che potrebbe aumentare l'intasamento.
La società Autovie Venete ha risposto alle accuse della Fita affermando che la priorità resta terminare i lavori di ampliamento alla terza corsia e afferma di avere già adottato alcune misure, come l'installazione di cartelli per il rispetto della distanza di sicurezza, l'aumento delle pattuglie della Polstrada, l'inserimento di nuovi limiti di velocità e divieti di sorpasso e il filtraggio dei veicoli pesanti nei periodi critici. Il presidente della società autostradale, Maurizio Castagna, precisa che la maggior parte degli incidenti sono tamponamenti, spesso senza segni di franata, dimostrando così che la causa è la distrazione, dovuta anche all'uso di smartphone alla guida, eccesso di velocità o abuso di alcolici.
Il 26 giugno è avvenuto in incontro tra l'assessore al territorio della Regione Friuli Venezia Giulia, Graziano Pizzimenti, e le associazioni dell'autotrasporto proprio su questo tema. Durante la riunione, le associazioni hanno chiesto di limitare, se non addirittura fermare, l'ingresso di veicoli industriali ai valichi con Austria e Slovenia (come sta facendo ora l'Austria sull'asse del Brennero) se il traffico sull'A4 supera una certa soglia e l'assessore si è impegnato a verificare la fattibilità di tale provvedimento. Al termine della riunione è stato istituito un Tavolo tecnico.
Per quanto riguarda il periodo dell'esodo estivo, Autovie Venete ha preparato un piano straordinario che prevede il rafforzamento delle risorse sull'autostrada A4. La società prevede itinerari alternativi in caso di code in autostrada, indicati con cartelli e operatori. Una delle misure è il filtraggio dei veicoli industriali, che sarà attuato con il coordinamento del Prefetto di Trieste: in caso d'incidenti o di eventi molto gravi, saranno progressivamente attuati provvedimenti per ridurre il numero dei camion sull'autostrada. Il primo livello prevede un contingente ai veicoli in ingresso, chiudendo una o più piste dei caselli, poi potrà entrare in vigore un rallentamento delle partenze dei camion dal porto di Trieste e il terzo livello prevede la limitazione degli ingressi dai confini.
Un'altra importante misura è l'istituzione di limiti di velocità. Sull'intero tratto occupato dal cantiere, i veicoli industriali non potranno superare il 70 km/h (e le auto gli 80 km/h) e sul tratto di Palmanova il limite sarà abbassato per tutti i veicoli a 60 km/h. Inoltre, sarà istituito il divieto di sorpasso per i veicoli pesanti sull'intero tratto. Il piano prevede l'installazione di almeno quindici autovelox.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2738

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Sindacati aprono il Tavolo della logistica e-commerce
Venerdì 21 Settembre 2018
Il 20 settembre 2018 i sindacati confederali hanno incontrato una rappresentanza di Assoespressi (Confetra) per discutere l'organizzazione, i... Leggi tutto...
Immagine
Saga Italia cambia nome in Kerry Project Logistics
Venerdì 21 Settembre 2018
Dopo l'acquisizione dell'azienda di trasporto italiana, il gruppo logistico asiatico la ribattezza con la sua denominazione, aggiungendo al proprio... Leggi tutto...
Immagine
Scioperi SiCobas a Bologna contro Palletways e BRT
Venerdì 14 Settembre 2018
Il 12 e 13 settembre 2018 il sindacato di base ha organizzato due proteste nella città emiliana, bloccando lo hub nazionale del network di pallet e... Leggi tutto...
Immagine
Edoardo Rixi viceministro dei Trasporti
Venerdì 14 Settembre 2018
Il Consiglio dei Ministri del 13 settembre 2018 ha attribuito il titolo di viceministro al sottosegretario Rixi, attribuendogli delega ai porti e... Leggi tutto...
Immagine
Alta adesione allo sciopero autisti Amazon in Lombardia
Venerdì 14 Settembre 2018
La Filt Cgil ha attuato uno sciopero degli autisti delle consegne per il colosso del commercio elettronico dalle 6.30 del 14 settembre 2018.... Leggi tutto...
Immagine
Fercam apre filiale alle porte di Milano
Martedì 11 Settembre 2018
L'azienda di logistica e autotrasporto ha annunciato l'11 settembre 2018 l'apertura della filiale di Carpiano, posta a sud-ovest del capoluogo... Leggi tutto...
Immagine
Prologis costruisce logistica a Stezzano
Lunedì 10 Settembre 2018
Il 10 settembre 2018 la società di sviluppo immobiliare ha annunciato la firma di un accordo con una società di autotrasporto espresso per... Leggi tutto...
Immagine
Dea Capital mette sul mercato tre nuovi centri logistici
Giovedì 30 Agosto 2018
Cbre è stata incaricata incaricata di trovare aziende interessate a insediarsi nei nuovi poli logistici di Arese, Verona e Carisio. Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed