TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Quale autostrada imboccherà il Governo Conte?

E-mail Stampa PDF

Il nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, dovrà affrontare un nodo cruciale che potrebbe dividere la Lega dal Movimento 5 Stelle, quello delle concessioni autostradali.

Autostrada A1 Sasso Marconi Barberino altoIl precedente ministro Delrio ha lasciato sulla scrivania del suo predecessore un tema caldo del capitolo infrastrutture, che, almeno in teoria, può dividere i partiti che formano la maggioranza del Governo Conte. È intitolato concessioni autostradali: dopo la proroga di quattro anni ottenuta dal predecessore per Autostrade per l'Italia e Satap A4 (Gruppo Gavio), il nuovo Governo dovrà decidere come comportarsi verso le due principali società autostradali operanti in Italia e, più in generale verso le richieste di nuove tratte e di aumenti dei pedaggi.
La questione riguarda innanzitutto il Movimento 5 Stelle, che anche in un recente passato ha mostrato un atteggiamento barricadiero verso l'attuale regime delle concessioni. In un articolo del 5 ottobre 2017 sul sito web ufficiale del movimento intitolato "Autostrade, le concessioni in scadenza tornino allo Stato", si legge che " Il MoVimento 5 Stelle ha sempre denunciato il rischio che comporta la proroga delle concessioni autostradali, una chiusura di fatto del mercato che distorce la concorrenza e fa lievitare le tariffe dei pedaggi a carico dei cittadini. Per questo nel nostro programma di Governo, abbiamo previsto di garantire trasparenza sui contratti in corso, attualmente secretati, e far tornare le concessioni, alla scadenza, nella disponibilità dello Stato".
Più avanti, lo stesso articolo afferma che "quello delle concessioni autostradali è un business che non conosce mai crisi, soprattutto grazie a Governi troppo 'morbidi' con i concessionari e troppo severi con gli utenti. A partire dagli anni '90 sono state rinnovate molte concessioni, sia da Governi di destra che di sinistra, mediante proroghe anche di oltre vent'anni e senza gare pubbliche".
Inoltre, sulla concessione ad Autostrade per l'Italia, in un altro articolo pubblicato sul sito il 18 dicembre 2017 il senatore Andrea Cioffi scriveva che "il contratto di Concessione di Autostrade per l'Italia presenta diversi profili di gravi irregolarità ed è stato segnalato all'Autorità Nazionale anticorruzione con un esposto". Il testo prosegue spiegando che "i profili segnalati riguardano la mancata trasparenza e la supervalutazione dei valori economici che determinano l'entità del pedaggio. La tanto decantata trasparenza continua a scontrarsi con alcuni tabù che a nostro avviso non hanno alcuna ragione di esistere e sono del tutto inaccettabili. Le infrastrutture dello Stato date in concessione a privati per mezzo di atti che restano riservati, è il primo fatto che riteniamo in contrasto con leggi vigenti e per questo chiediamo un immediato cambio di rotta".
Sulla questione autostradale, invece, la Lega punta con decisione sulle concessioni alle Regioni. In un comunicato stampa pubblicato il 25 gennaio 2006 sul suo sito, il consigliere della Lombardia Fabrizio Cecchetti dichiarava che "E' ora di dire basta, le autostrade vanno regionalizzate", aggiungendo che "il presidente di Autostrade per l'Italia si disinteressa del grave ritardo infrastrutturale che dovrebbe essere il primo argomento all'ordine del giorno. Tutto questo anche perché con i soldi dei lombardi la società di Gamberale deve far quadrare i conti delle autostrade del resto del Paese. A questo punto dobbiamo dire basta, varesini e comaschi sono stanchi di pagare per tutti con code e ritardi che colpiscono duramente oltre che i pendolari anche le aziende del Nord-Lombardia che risentono dei ritardi nella consegna dei prodotti. E' ora di pensare seriamente di regionalizzare la società autostrade, in maniera che i soldi vengano investiti nella stessa arteria stradale che li ha prodotti".
Sulle concessioni autostradali, quindi, le posizioni dei due partiti al governo sono diverse: il M5S chiede la nazionalizzazione o, comunque, gare trasparenti per eventuali concessioni ai privati, mentre la Lega le vuole concedere, evidentemente senza gara, alle Regioni che le ospitano. Che cosa farà in concreto il nuovo Governo? Il "contratto" tra Lega e M5S non cita neppure una volta la parola "autostrade", quindi dovremo attendere le prime mosse del ministro Toninelli per individuare una tendenza. E le prime scelte riguardano l'attuazione della concessione in-house dell'autostrada A22 del Brennero (che riguarda direttamente la Regione Trentino Alto Adige le province di Bolzano e Trento) e i prossimi adeguamenti dei pedaggi.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1988

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Cma Cgm aumenta partecipazione in Ceva Logistics
Mercoledì 17 Ottobre 2018
Il 17 ottobre 2017, la multinazionale logistica ha annunciato che la compagnia marittima francese ha aumentato la sua quota nel capitale dal 24,99%... Leggi tutto...
Immagine
Prosegue nel 2018 la crescita del trasporto espresso
Mercoledì 17 Ottobre 2018
Secondo una stima di TransportIntelligence, il trasporto espresso di piccoli colli crescerà quest'anno dell'8,6% rispetto al 2017. Leggi tutto...
Immagine
BRT integra cinque aziende di trasporto
Martedì 16 Ottobre 2018
La società di trasporto espresso ha avviato la procedura per fondere tramite incorporazione alcune imprese di cui ha già il completo controllo, che... Leggi tutto...
Immagine
Sette candidati per gli asset di Artoni Trasporti
Martedì 16 Ottobre 2018
Il 1° ottobre 2018 il commissario straordinario dell'azienda di trasporto e logistica emiliana ha aperto davanti al notaio le sette buste che... Leggi tutto...
Immagine
Chiesta condanna a vice-ministro Trasporti per spese Liguria
Lunedì 15 Ottobre 2018
Il procuratore aggiunto del Tribunale di Genova ha chiesto una condanna a tre anni e quattro mesi per il leghista Edoardo Rixi nel processo sulle... Leggi tutto...
Immagine
Piattaforma frigo di Brivio & Viganò a Milano
Venerdì 12 Ottobre 2018
Il 10 ottobre 2018 la società di autotrasporto e logistica ha inaugurato a Pozzuolo Martesana uno hub dedicato ai prodotti alimentari con 25mila... Leggi tutto...
Immagine
Poste assumeranno 7500 persone entro 2019
Venerdì 12 Ottobre 2018
Il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, ha annunciato un programma di assunzioni di Poste Italiane che dovrebbe compensare l'ondata di... Leggi tutto...
Immagine
Impresa responsabile in infortunio anche per negligenza lavoratore
Giovedì 11 Ottobre 2018
L'ordinanza numero 16026 della Corte di Cassazione afferma che il datore di lavoro è responsabile nel caso d'infortunio sul lavoro anche nel caso di... Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed