Anas costruirà un tratto della Via della Seta

Stampa

Il 14 marzo 2018, una delegazione della società stradale italiana ha firmato a Yerevan, in Armenia, un accordo per la costruzione e gestione della tratta tra Sisian a Agarak del corridoio autostradale nord-sud che attraversa l'Armenia dalla Georgia al confine con l'Iran.


India camion strada Himalaya FntIruÈ un importante tratto della nuova Via della Seta quello che l'Anas International Enterprise (la controllata di Anas che opera sui mercati esteri) costruirà e gestirà in Armenia, tra Sisian a Agarak. Infatti, fa parte dell'International North South Transport Corridor che si sviluppa da nord a sud, attraversando l'Armenia dal confine con la Georgia a quello con l'Iran, nell'ambito di un più ampio collegamento che va dal Golfo Persico a Mosca. La tratta acquisita da Anas è lunga 90 chilometri, ma la società la definisce "particolarmente impegnativa dal punto di vista tecnico ed economico". Sorge a sud dell'Armenia, vicino al confine con l'Iran e rappresenta la prosecuzione del Corridoio 10 iraniano. l'investimento previsto per la sua costruzione è un miliardo di euro.
"Proseguono le attività di Anas-AIE per lo sviluppo delle rete stradale nell'ambito dei nuovi itinerari della Via della Seta, costituita da corridoi economici tra Cina ed Europa", ha spiegato l'amministratore delegato di Anas Gianni Vittorio Armani. "L'odierno accordo riguarda un corridoio ad alta valenza strategica per le comunicazioni stradali tra Europa-Caucaso-Asia nel punto nevralgico di intersezione tra i due continenti. Il progetto di Anas prevede la trasformazione del collegamento esistente in un'autostrada a scorrimento veloce in grado di assicurare riduzione dei tempi di percorrenza, circa tre ore, e incremento della sicurezza e comfort. Con queste caratteristiche il North South Corridor diventerà un elemento funzionale al TRACECA (TRAnsport Corridor Europe-Caucasus-Asia) e alla nuova Via della Seta".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!



Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: