TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cresce la protesta contro l’aumento delle autostrade

E-mail Stampa PDF

Alcune sezioni locali delle associazioni dell'autotrasporto e i sindacati confederali alzano la voce contro l'aumento delle autostrade.


Autostrada Brebemi barriera ChiariLa nuova stangata dei pedaggi autostradali sta suscitando le proteste dell'autotrasporto, sia sul fronte delle imprese, sia su quello dei lavoratori. Nel primo caso, dopo l'intervento di TrasportoUnito, che stima un aumento dei costi per il trasporto stradale di 300 milioni l'anno, si registra una forte protesta proveniente dall'Abruzzo, dove l'incremento del pedaggio della Strada dei Parchi sulla tratta Roma-Teramo ha toccato il 13%. La società autostradale gestisce l'24 e l'A25, due autostrade indispensabili per gli autotrasportatori abruzzesi per collegarsi al resto della Penisola. "La cosiddetta Strada dei Parchi rappresenta l'unica soluzione per collegarci con il resto del Paese e per giunta, dopo quella di Milano-Serravalle, è l'autostrada più cara d'Italia", afferma Roberto di Bernardino, di Assotir dell'Aquila.
Dalla Liguria giunge la voce del presidente regionale di Fita Cna, Pier Luca Mainoldi, che chiede la revoca degli aumenti: "Il mondo dell'autotrasporto sembra avere una sola certezza; il primo gennaio, inesorabilmente, arrivano gli incrementi dei pedaggi a fronte di miglioramenti della qualità del servizio solo presunti. Non sono riscontrati dagli utenti, infatti, e in particolare dalle associazioni degli autotrasportatori professionali, cui non è riconosciuta voce in capitolo, autentici figli di un dio minore che devono solo pagare e tacere. Eppure, nei costi di un'azienda di autotrasporto di merci per conto terzi, i pedaggi autostradali, con un impatto di circa il 10 percento, rappresentano la terza voce di costo dopo personale e carburante. Un vettore che esegue trasporti di linea nazionali effettua oltre il 70 percento della sua percorrenza annua su autostrade a pedaggio".
Mainoldi chiede anche di cambiare i criteri con cui il Governo concede l'adeguamento annuale delle tariffe, in vigore dal 2007: "Bisogna tenere conto in maniera più appropriata della qualità del servizio reso dai concessionari. Continuiamo a registrare, infatti, l'inadeguatezza della rete autostradale italiana. La dimostrano la velocità media, tra le più basse d'Europa, i disagi che si ripercuotono sugli utenti a ogni precipitazione nevosa, la mancanza di aree di sosta e di servizi di assistenza appropriati, la cattiva manutenzione delle strutture e del manto autostradale".
L'aumento dei pedaggi non piace neppure alla Fai della Lombardia, il cui presidente regionale Antonio Petrogalli rileva il paradosso secondo cui "diverse concessionarie che hanno goduto degli aumenti dei pedaggi più significativi nel decennio tra il 2008 e il 2017 sono anche tra quelle che risultano avere effettuato minori investimenti rispetto a quanto previsto nei piani finanziari". Petrogalli invoca una "trasparenza sui pedaggi, perché la tariffa è già costituita dai costi di gestione, dalle manutenzioni ordinarie e straordinarie e dagli investimenti per una sempre maggiore sicurezza".
A livello nazionale, il segretario generale di Assotir, Claudio Donati, definisce "scellerati" i rincari: "Qui non si sta affermando di non voler pagare, ma di pagare almeno per avere indietro un servizio che sia decente. Ogni volta che nevica ad esempio il numero degli spazzaneve risulta sempre insufficiente ed i primi ad essere fermati sono proprio gli autotrasportatori ai quali sono richiesti tempi di attesa molto lunghi per procedere al filtraggio dei veicoli nelle zone colpite da maltempo".
Sugli aumenti sono intervenuti anche i sindacati confederali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, segnalando che "mentre i pedaggi aumentano ovunque, anche se in proporzioni diverse cala l'occupazione delle autostrade. Con questi ultimi aumenti i profitti dei concessionari autostradali continuano a lievitare, a discapito dei cittadini utenti, dei lavoratori e della sicurezza della circolazione autostradale, che non sempre è adeguata ai livelli di traffico". I sindacati denunciano anche "il peso delle esternalizzazioni e del lavoro meno tutelato che stanno entrando sempre più prepotentemente nel settore ed in particolare in quelle attività in cui si registrano morti sul lavoro".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 3451

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ultime Logistica

Immagine
Tremila pallet falsi sequestrati nel primo semestre 2018
Martedì 21 Agosto 2018
L'associazione Conlegno traccia il bilancio di un fenomeno ancora molto diffuso e che coinvolge anche altri gravi illeciti, come riciclaggio di... Leggi tutto...
Immagine
Sesto lavoratore dei trasporti morto nel crollo del Morandi
Martedì 21 Agosto 2018
Gli ultimi tre dispersi trovati senza vita tra le macerie del viadotto dell'autostrada A10 sono Cristian Cecala, di sua moglie e di sua figlia.... Leggi tutto...
Immagine
Intesa Sanpaolo sostiene le Zes in Campania
Giovedì 16 Agosto 2018
Il Gruppo bancario ha messo a disposizione delle aziende un plafond da 1,5 miliardi di euro tramite la sua controllata Banco di Napoli. Leggi tutto...
Immagine
Firmata convenzione sul Mar Caspio
Martedì 14 Agosto 2018
Il Governo russo ha annunciato che il 12 agosto 2018 Azerbaijan, Iran, Kazakistan, Russia e Turkmenistan hanno siglato un'intesa per l'uso del mare. Leggi tutto...
Immagine
Accordo tra Cobas e Fedit sui corrieri espressi
Venerdì 10 Agosto 2018
Il 19 luglio 2018 i sindacati di base SiCobas e AdlCobas hanno firmato un verbale di accordo per rinnovare il contratto nazionale dei dipendenti di... Leggi tutto...
Immagine
DHL si allea con Ethiopian per trasporti in Africa
Mercoledì 08 Agosto 2018
La Divisione Global Forwarding della società tedesca ha formato una joint-venture con la compagnia aerea etiope per spedizioni cargo nel continente. Leggi tutto...
Immagine
Inizia la cessione di Artoni Trasporti
Lunedì 06 Agosto 2018
Il 27 luglio 2018, il commissario straordinario ha diffuso il disciplinare di gara per vendere la società di autotrasporto e logistica, mentre il 31... Leggi tutto...
Immagine
Yusen acquisisce logistica ecommerce in GB
Venerdì 03 Agosto 2018
La filiale britannica della compagnia asiatica ha acquisito ILG, specializzata nello stoccaggio e distribuzione di prodotti del commercio elettronico. Leggi tutto...

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed