TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ilva spenta a gennaio 2020, autotrasporto si mobilita

E-mail Stampa PDF

ArcelorMittal prosegue nell'intenzione di chiudere lo stabilimento siderurgico di Taranto e gli autotrasportatori che servono l'impianto annunciano lo stato di agitazione.


Ilva acciaieria TarantoIl 14 novembre 2019, la multinazionale siderurgica ArcelorMittal ha comunicato ai sindacati che il 13 dicembre fermerà l'altoforno 2 di Taranto, il 30 dicembre l'altoforno 4 e il 15 gennaio 2020 l'altoforno 1, segnando così la completa chiusura dello stabilimento. Inoltre, il 26 novembre fermerà il treno nastri 2 e poi anche le cokerie e le centrali elettriche. Insomma, entro la fine di gennaio spegnerà completamente la fabbrica pugliese, sancendo il suo ritiro dall'accordo di affitto e di successiva acquisizione. Dopo tutte queste chiusure, sarà difficilissimo, per motivi tecnici, far ripartire gli impianti nel caso che i commissari straordinari decidano di operare in modo autonomo o riescano a trovare un acquirente (di cui finora non si vede traccia).
La fermata dello stabilimento di Taranto colpirà anche l'indotto, tra cui spicca l'autotrasporto. A proposito d'indotto, pare che ArcelorMittal abbia assicurato al presidente della Regione Puglia Emiliano che pagherà le fatture scadute e che i ritardi finora accumulati sono stati causati da motivi amministrativi. Ma questa assicurazione non basta agli autotrasportatori tarantini, che oggi hanno annunciato lo stato di agitazione. Secondo una stima diffusa nei giorni scorsi da Trasportounito, per l'Ilva operano in Italia circa duecento imprese di autotrasporto, molte delle quali devono la loro sopravvivenza al colosso siderurgico. Casartigiani di Taranto precisa che già da qualche giorno la maggior parte delle imprese della provincia di Taranto ha sospeso i servizi, per non creare ulteriori crediti nei confronti dell'azienda, oltre a quelli accumulati in passato.
Secondo l'associazione, l'autotrasporto vanta complessivamente crediti per quindici milioni di euro. Oltre a sospendere i servizi, gli autotrasportatori dell'Ilva chiedono allo Stato l'apertura di un Tavolo di crisi per programmare il futuro di Taranto e per sottolineare che anche gli operatori dell'autotrasporto rientrano tra i soggetti da tutelare tramite interventi speciali. Anche perché nel territorio tarantino se si perde l'Ilva l'unico committente rilevante degli autotrasportatori resta l'Eni.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 837

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca