TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Fatture false nell’autotrasporto scoperte a Cagliari

E-mail Stampa PDF

La Guardia di Finanza ha scoperto una frode fiscale per oltre un milione di euro che ha coinvolto cinque autotrasportatori, tra cui due sardi e tre del Nord Italia.


Guardia Finanza Varese ufficio documentiL'operazione annunciata a metà settembre 2019 dalla Guardia di Finanza di Cagliari riguarda due imprese di autotrasporto che avrebbero creato una frode fiscale basata su fatture false per ottenere rimborsi Iva non dovuti. I Finanzieri hanno scoperto la frode usando lo Spesometro Integrato per ricostruire i reali volumi d'affari delle due società. È un database che memorizza tutte le fatture registrate e che permette ai Finanzieri di risalire agli acquisti svolti dalle imprese, grazie anche all'invio di questionari ai clienti e ai fornitori della società che viene controllata per ottenere documenti contabili. Durante i controlli sulle due imprese di trasporto cagliaritane (di cui la Finanza non ha fornito il nome) è emerso che tra il 2014 e il 2017 avrebbero emesso fatture per operazioni insistenti verso altre due imprese con sede nell'Italia settentrionale, anch'esso operanti nell'autotrasporto, per un importo di 4.823.827 euro.
Grazie a queste false fatture, le società che le hanno ricevute hanno potuto dedurre spese inesistenti e quindi detrarre Iva in modo indebito per un valore di 1.060.440 euro.
Inoltre, durante l'indagine i Finanzieri hanno rilevato che le due aziende di trasporto cagliaritane non possedevano veicoli industriali, non avevano autisti assunti e non avevano disponibilità di piazzali o depositi, pur apparendo come sub-appaltatrici di autotrasporto per le aziende del Nord. Non solo, ma anche una delle due aziende sarde che hanno emesso fatture false, a sua volta ha ricevuto fatture per operazioni inesistenti da un'altra impresa di trasporto del Nord per un importo complessivo 395.864 euro, detraendo così indebitamente l'Iva per 89.903 euro. Al termine dell'inchiesta, la Finanza ha segnalato alla Procura tre amministratori e rappresentanti legali delle società coinvolte per i reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e occultamento di documenti contabili obbligatori.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1453

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed