TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Evasione di 3,6 mln per esterovestizione nell’autotrasporto

E-mail Stampa PDF

La Guardia di Finanza di Riva del Garda ha chiuso l'Operazione Bratislava, che ha scoperto una presunta evasione fiscale attuata da un'azienda di autotrasporto trentina aprendo una filiale "fantasma" in Slovacchia.

Guardia Finanza agenti sfogliano archivioL'operazione Bratislava è iniziata nel settembre del 2018 indagando su due società di autotrasporto, una con sede a Bratislava, capitale della Repubblica Slovacca e l'altra a Milano. I Finanzieri hanno rilevato che la società slovacca aveva solamente come committente una società di autotrasporto con sede in Trentino, di cui gli inquirenti non forniscono il nome. Il rappresentante legale della società di Bratislava era un cittadino slovacco di 54 anni, che risultava anche dipendente della società trentina.
Inoltre, gli uffici operativi di Bratislava erano in una stanza di venti metri quadrati nel centro della capitale slovacca, in un palazzo dove avevano sede altre 46 società. Uno spazio ritenuto inadeguato e senza piazzali per i veicoli industriali, due elementi che hanno rafforzato il sospetto della esterovestizione.
Sulla base di questi elementi, i Finanziari hanno approfondito l'indagine ricostruendo le percorrenze chilometriche svolte negli ultimi quattro anni dai camion con targa slovacca e il traffico delle 84mila email dell'impresa per gestire fornitori e committenti. Inoltre, nessun viaggio di questi veicoli aveva fatto riferimento, in partenza o arrivo dalla Slovacchia.
Questi elementi, insieme con l'esame della documentazione contabile ed extra-contabile della società ha spinto gli inquirenti a ritenere che il vero gestore e titolare della società slovacca sia il titolare dell'impresa trentina, che avrebbe costituito una società in Slovacchia per beneficiare delle minore imposte e del minor costo degli autisti, così da offrirsi sul mercato dell'autotrasporto con tariffe più basse dei concorrenti. Secondo gli inquirenti, l'imprenditore trentino avrebbe evaso 3,6 milioni dal 2013 al 2017.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2006

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed