TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Arresti per omicidio dell’autotrasportatore Autuori

E-mail Stampa PDF

Il 27 aprile 2019 i carabinieri hanno arrestato cinque persone accusate dell'esecuzione di Aldo Autuori, un omicidio che sarebbe stato compiuto per controllare l'autotrasporto nella Piana del Sele e che sarebbe maturato in ambienti mafiosi.


Carabinieri autovettura anterioreIntorno alle 20.30 del 25 agosto 2015 Aldo Autuori era seduto all'esterno di un bar di Pontecagnano, in provincia di Salerno, insieme alla moglie e di un nipote, quando venne avvicinato da due uomini con volto coperto a bordo di uno scooter, che gli spararono diversi colpi di pistola. Autuori morì e fu ferita in modo lieve sua moglie. La vittima lavorava nell'azienda di autotrasporto di famiglia ed era balzata alla cronaca qualche anno prima del suo assassinio per l'omicidio di Luciano Merola, un pregiudicato di Pontecagnano, avvenuto nel 2000 in una sparatoria iniziata da Merola. Per quel fatto, l'imprenditore venne condannato a dodici anni di carcere ed era stato liberato alcuni mesi prima del suo assassinio. Le indagini partirono subito dall'omicidio di Merola e vennero sospettati i suoi fratelli ma in seguito gli inquirenti hanno cambiato pista, puntando alla criminalità organizzata nell'ambito del controllo mafioso dell'autotrasporto nella Piana del Sele.
Il 27 aprile, la Procura Distrettuale Antimafia ha disposto l'arresto di cinque persone, accusate della morte di Autuori, quattro delle quali già detenute per altri reati. L'accusa è omicidio aggravato dal metodo e dalle finalità mafiose. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Autuori dopo la sua scarcerazione avrebbe cercato di rientrare nell'attività di autotrasporto, dove nel frattempo era diventato predominate un altro clan. Le indagini rivelano che l'esecuzione è stata attuata con un'alleanza tra diversi clan camorristi delle province di Salerno e Napoli. Secondo la Procura, i mandanti sarebbero due membri del clan Pecoraro-Renna, che opera a sud di Salerno e che avrebbe avuto il controllo del trasporto quando Autuori uscì dal carcere. I due avrebbero chiesto la collaborazione di un elemento del clan Cesarano di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, per eseguire l'omicidio di Autuori, che sarebbe stato compiuto materialmente da due killer assoldati dal un terzo clan, che opera a Giugliano.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2839

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed