Girteka apre filiale in Germania con camion Gnl

Stampa

La società lituana di autotrasporto sta immatricolando i primi veicoli industriali in Germania, tra cui modelli alimentati con gas naturale liquefatto. Ottiene certificazione Tapa 1.


Girteka uffici camionNegli ultimi vent'anni sono state le aziende di autotrasporto dell'Europa occidentale ad aprire filiali all'Est per beneficiare del minor carico fiscale e del costo minore per gli autisti. Ora la lituana Girteka Logistics percorre il tragitto opposto, aprendo una filiale in Germania, dove sta immatricolando alcuni veicoli industriali e quindi sottoponendosi alle norme fiscali e contributive tedesche. Pur confermando la prima immatricolazione al giornale tedesco Trans Aktuell, la società lituana non ha ancora velato quanti camion immatricolerà in Germania, aggiungendo che intende entrare seriamente nell'autotrasporto tedesco di carichi completi.
Un fattore che spinge Girteka Logistics a entrare direttamente in Germania è la grave mancanza di autisti di veicoli industriali sul territorio tedesco, che sta penalizzando il trasporto nazionale. Quindi, la società lituana intende portare le sue risorse umane in Germania. Un altro elemento è la diffusione anche in Germania della rete di distribuzione di gas naturale liquefatto e d'incentivi per camion alimentati con questo combustibile, che Girteka Logistics sta sperimentando su alcuni veicoli Iveco e Volvo. La società potrebbe realizzare un proprio impianto di distribuzione di Gnl in Germania.
La società lituana ha anche annunciato di avere conseguito la certificazione Tapa 1, diventando membro della Transport Asset Protection Association, che opera per aumentare la sicurezza lungo l'intera catena logistica. I membri della Tapa hanno anche accesso a una rete di parcheggi sicuri per i camion e alle informazioni di sicurezza più recenti e più affidabili e ai rapporti sulle posizioni sicure o non sicure per i vettori.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: