TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Denunce nell’autotrasporto emiliano per autisti stranieri

E-mail Stampa PDF

A metà aprile 2019, i Carabinieri di Reggio Emilia hanno denunciato alla Procura sei persone per un'evasione contributiva all'Inps da tre milioni di euro, derivata dall'utilizzo illecito di quattrocento conducenti di veicoli industriali stranieri.


Carabinieri Tutela Lavoro ufficioIl Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Reggio Emilia hanno concluso un'indagine iniziata a gennaio 2018 dopo un'ispezione in un macello dell'Appennino di Reggio Emilia. L'inchiesta si è estesa anche a due aziende di autotrasporto con sede nella provincia di Modena, che operano a livello nazionale, di cui gli inquirenti non hanno diffuso il nome. Secondo l'accusa, due imprenditori del settore avrebbero costituito altrettante cooperative di trasporto affidate a prestanome con l'unico scopo di offrire in appalto ad altre imprese di trasporto autisti stranieri, in prevalenza dell'Est, eludendo le norme italiane sui contratti di lavoro e sulla previdenza. Grazie a questo sistema, le aziende di autotrasporto che impiegavano questi autisti ottenevano un Durc regolare, pur non avendo alcun dipendente per la guida. Inoltre, le aziende trattenevano illecitamente le quote dovute dai lavoratori a titolo previdenziale e fiscale per un importo complessivo di quasi mezzo milione di euro. I Carabinieri hanno analizzato ben quattrocento posizioni lavorative, elevando sanzioni amministrative e ammende per decine di migliaia di euro.
Gli inquirenti hanno rilevato un'evasione contributiva ai danni dell'Inps di circa tre milioni di euro tra gennaio 2014 e maggio 2018. Al termine dell'indagine, i Carabinieri hanno denunciato alla procura di Modena sei persone, tra cui i due titolari delle cooperative e un commercialista. Gli inquirenti contestano a vario titolo reati di truffa in concorso, esercizio abusivo della professione, somministrazione fraudolenta, omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali sulle retribuzioni, falsità e/o omissioni in registrazioni obbligatorie, il ricorso ad appalti privi dei requisiti, la somministrazione irregolare con dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti con conseguente indebita compensazione di crediti non spettanti.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2657

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed