TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gilet gialli costano due miliardi all’autotrasporto

E-mail Stampa PDF

L'associazione dell'autotrasporto francese Fntr stima che due mesi di proteste abbiano causato danni al settore per almeno due miliardi di euro e incontrerà il ministro dei Trasporti all'inizio di gennaio 2019.

Francia blocco gilet gialli Monte Bianco 17 novembre 2018La principale associazione degli autotrasportatori francesi ha valutato i danni subiti dal trasporto merci su strada per i presidi attuati negli ultimi due mesi dai gilet gialli, che hanno bloccato migliaia di camion: il conto ammonta a due miliardi di euro, a fronte di un fatturato complessivo annuale di 53 miliardi. E avrebbe potuto essere superiore se i sindacati degli autisti non avessero sospeso uno sciopero contro una sentenza che avrebbe ridotto il loro pagamento degli straordinari (però rassicurati dal Governo che ciò non avverrà). Npnostante ciò, la Fntr afferma che a causa di tali perdite diverse aziende depositeranno i Bilanci in Tribunale.
Le perdite consistono nel fermo di veicoli e di autisti e nelle penali chieste dai committenti per i ritardi nelle consegne, ma anche paradossalmente dalla "apertura" dei caselli autostradali imposta dai manifestanti. In questo caso, infatti, chi non ha sistemi di tele-pedaggio non paga, ma chi li ha ed è stato registrato in entrata ma non in uscita, perché il sistema è stato messo fuori uso dai gilet gialli, paga il tragitto più lungo, indipendentemente da quello che ha affettivamente svolto. E proprio contro questa sovraffatturazione le associazioni hanno avviato una vertenza per chiederne l'annullamento, anche se la società autostradale Vinci ha dichiarato di non avere applicato questa penalizzazione nel caso delle proteste. La stessa Vinci sostiene che ogni giorno oltre 250 siti sono stati coinvolti nelle azioni dei dimostranti. La Fntr ritiene che le imprese più danneggiate sono quelle che operano in Occitania e nel Reno-Alpi, le due regioni maggiormente coinvolte nelle proteste.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1698

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed