TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Termina fermo dell’autotrasporto in Marocco

E-mail Stampa PDF

Sabato 3 novembre 2018 è finita la protesta degli autotrasportatori marocchini, dopo un incontro con il ministro dei Trasporti. Era stato proclamato per chiedere provvedimenti sull'aumento del prezzo del gasolio e le imprese hanno ottenuto diversi impegni.


Marocco GLT strada porto tangeriAnche il Marocco subisce la pressione dell'aumento del prezzo del carburante, che ha portato gli autotrasportatori ha fermare le attività. La protesta dell'autotrasporto marocchino è iniziata sabato 24 ottobre e ha portato progressivamente alla paralisi diverse attività industriali e commerciali del Paese, compresi i porti. Gli autotrasportatori chiedevano l'avvio del gasolio professionale, ossia un prezzo ridotto per i veicoli industriali, per contrastare l'aumento del prezzo alla pompa (che ha raggiunto gli 11 dirham al litro, pari a un euro). L'adesione al fermo è stata variabile, perché in Marocco operano oltre una ventina di associazioni degli autotrasportatori (che son in prevalenza padroncini), alcune delle quali hanno interrotto la protesta il 31 ottobre.
La fine completa del fermo è avvenuta il 3 novembre, dopo un incontro a Rabat di cinque ore con il ministro dei Trasporti, Abdelkader Amara. Il fermo è finito dopo l'impegno del ministro dei Trasporti a presentare al suo collega delle Finanze una norma sul gasolio professionale che prevederebbe il rimborso delle accise, che potrebbe essere introdotta come emendamento nella Legge Finanziaria 2019, che il Parlamento marocchino sta discutendo. Il ministro dei Trasporti ha fatto altre concessioni: aumenterà dal 14% al 20% la percentuale dell'Iva che gli autotrasportatori fatturano ai loro committenti; aumenterà a 190mila dirham (circa 17.500 euro) il contributo alla rottamazione dei veicoli industriali per rinnovare il parco; aumenterà al 30% la tolleranza sul sovraccarico; finanzierà i corsi di formazione per la carta di qualificazione professionale; migliorerà la copertura previdenziale per il personale.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1527

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed