TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Autotrasporto ha perso 131 mln per crollo Morandi

E-mail Stampa PDF

Conftrasporto ha commissionato una ricerca a Isfort sulle conseguenze dell'interruzione dell'autostrada A10 a Genova, che causa agli autotrasportatori una perdita di oltre due milioni al giorno.

Genova soprelevata Voltri camion conbtainer cabinaDurante la quarta edizione del Forum Internazionale di Cernobbio, Conftrasporto ha presentato i risultati di una ricerca dell'Isfort sulle conseguenze del crollo del ponte Morandi sull'autotrasporto. In poco meno di due mesi, spiega la società di ricerca, gli autotrasportatori hanno subito costi maggiori per 131 milioni di euro. Questa perdita coinvolge sia i veicoli industriali che usavano il cavalcavia Polcevera nell'attraversamento di Genova nell'ambito di lunghi percorsi nazionale e internazionali, sia quelli lo usavano per caricare o scarica nella città e nel suo porto. Il costo supplementare riguarda l'allungamento dei percorsi di 120 chilometri per chi viaggia da levante a ponente e di 70 chilometri nel senso inverso.
Lo studio stima che ogni giorno entravano o uscivano dal porto di Genova, prima del crollo Morandi, quattromila camion al giorno, mentre altri 31.500 viaggiano sul viadotto Polcevera in transito attraverso il nodo di Genova. Tenendo conto una perdita media di un'ora nei viaggi, nel primo caso il costo supplementare aggiuntivo è di 265.200 euro e nel secondo di 2,08 milioni di euro. Quindi, nei primi 56 giorni dopo il crollo, l'autotrasporto al servizio del porto ha già perso 14,8 milioni, mentre quello in transito hanno perso 116,4 milioni.
La ricerca spiega che "il crollo del ponte Morandi produrrà danni ingenti soprattutto nelle connessioni all'interno della circoscrizione nord-occidentale del Paese - ossia Bologna, Genova, Torino e Milano – e nelle relazioni terrestri estere con l'Europa occidentale e in misura rilevante, ma senza ombra di dubbio più contenuta, per quel che riguarda le connessioni del porto verso l'entroterra".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 904

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed