TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Val Roja in guerra con l’autotrasporto italiano

E-mail Stampa PDF

I sindaci dei cinque paesi francesi che hanno posto il divieto di transito ai veicoli pesanti scendono in strada per fermare i camion, mentre sul web appare un hashtag Twitter per denunciare le violazioni.


Francia Roya divieto camion cartello veicoloS'inasprisce la vertenza sui divieti imposti da settembre 2017 da cinque Comuni francesi della valle Roja - ossia Tenda, Briga, Fontan, Saorge e Breil - al transito dei veicoli industriali con massa complessiva superiore a 19 tonnellate lungo la Route Dipartimentale 6204. Da un lato ci sono i sindaci, dall'altro gli autotrasportatori, soprattutto italiani, che usano questa strada non solo per i trasporti internazionali, ma anche per quelli nazionali, perché riduce i tempi di transito tra la provincia di Cuneo e quella di Ventimiglia di almeno un'ora, rispetto all'autostrada Torino-Savona. La vertenza ha anche un risvolto giudiziario, perché le associazioni dell'autotrasporto francesi e italiane hanno avviato un'azione legale contro questo provvedimento. Però, una prima richiesta di sospensione è stata respinta dal Tribunale di Nizza e ora si attende l'esito del ricorso.
Intanto, i sindaci scendono letteralmente in strada per fermare i camion che violano il divieto. Un servizio dell'emittente francese Franceinfo pubblicato online il 18 aprile 2018 mostra i cinque sindaci insieme ad agenti della Polizia Municipale che formano un posto di blocco sulla Dipartimentale. Il più arrabbiato è il primo cittadino di Tenda, Jean Claude Vassallo, che dichiara: "Ci piace la guerra e arriveremo alla guerra!". Le immagini successive mostrano un camion italiano che viene fermato. Quindi, il sindaco di Tenda parla in italiano prima con l'autista e poi, al telefono, con il titolare dell'azienda di autotrasporto. Alla fine, i gendarmi staccano il verbale, davanti ai cinque sindaci sorridenti.
Ma non basta, perché nei giorni scorsi l'associazione francese Sauvons la Roya ha lanciato su Twitter l'hashtag #BalanceTonPL per segnalare i camion che transitano nel tratto vietato. Bisogna dire che dall'11 aprile, quando è stato avviato il canale, sono stai pubblicati solo nove post con questo hashtag e tutti relativi ad articoli sull'iniziativa stessa. Insomma, pare che gli abitanti della valle Roja non amino praticare la delazione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1400

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed