TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Autotrasporto ancora sul piede di guerra al VTE di Genova

E-mail Stampa PDF

Uiltrasporti e Trasportounito denunciano l'aumento delle attese dei veicoli industriali per caricare e scaricare i container al terminal di Prà e minacciano una mobilitazione. Oggi il terminal è stato chiuso per maltempo.


Genova VTE nuovo gate sera camionIl forte vento che ha colpito Genova alla fine di febbraio ha aggravato una situazione che è critica già da tempo. Infatti alle frequenti lunghe attese per caricare e scaricare i contenitori al VTE si sono aggiunte le chiusure improvvise del terminal per le avverse condizioni meteo, che fermano il lavoro delle gru. È avvenuto il 27 febbraio, quando le banchine si sono fermate per ore prima per il vento e poi per un'assemblea dei lavoratori, provocando una lunga colonna di camion che ha raggiunto l'autostrada, dove confluiscono da nord l'A10 e l'A26.
Il 1° marzo c'è stato un nuovo fermo delle gru per il maltempo, che ha portato anche la neve. Per protestare contro questa situazione si sono mossi, in modo indipendente, sia la Uiltrasporti che l'associazione degli autotrasportatori Trasportounito. La prima si concentra sulle difficoltà degli autisti che sono fermi ore nel piazzale antistante il terminal, anche la notte, dove mancano servizi igienici e punti di ristoro. Ora, la Uiltrasporti intende coinvolgere anche la Filt Cgil e la Fit Cisl, per organizzare azioni di protesta.
Trasportounito porta la voce delle imprese di autotrasporto, che denuncia attese fino a cinque ore. Una situazione che secondo l'associazione peggiora con l'aumento delle dimensioni delle portacontainer che attraccano al terminal, causando un conseguente incremento dei container movimentati. Trasportounito chiede più personale e il potenziamento delle procedure telematiche in banchina per accelerare le operazioni nei giorni di punta, che sono il martedì, il mercoledì e il giovedì. Secondo l'associazione, le attese causano una perdita di tremila euro per ogni veicolo.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1346

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed