TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Anita contesta fermi dei camion per neve

E-mail Stampa PDF

L'associazione dell'autotrasporto ritiene "anacronistici e dannosi per l'economia" i divieti di circolazione dei veicoli industriali previsti per il maltempo e la neve.


Da domenica 25 febbraio 2018, l'ondata di maltempo Buran ha spinto molti Prefetti a istituire divieti temporanei alla circolazione dei veicoli industriali con massa superiore a 7,5 tonnellate su numerosi tratti di strade e autostrade, anche dove non è effettivamente nevicato. Ciò ha provocato grandi disagi all'intera filiera logistica, con danni al sistema economico, causando anche le proteste delle associazioni di categoria. Anche Anita contesta questi provvedimenti, come spiega il suo presidente Thomas Baumgartner: "Se l'ondata di maltempo è dovuta ai venti freddi che arrivano dai Paesi nordici, non capiamo come mai in quei Paesi possiamo circolare tranquillamente mentre da noi in Italia ogni volta soltanto con previsioni, che spesso non si avverano o soltanto parzialmente come in questo caso. Così l'attività del trasporto, essenziale per il sistema produttivo, viene bloccata".
Baumgartner aggiunge che "non si comprende perché i provvedimenti non siano stati revocati con la stessa celerità con cui sono stati imposti". Anita chiede anche che sia imposto alle concessionarie autostradali l'onere di mantenere pulito il manto stradale anche nel caso di forti nevicate: "Non è concepibile dovere pagare lauti pedaggi autostradali, vedere bilanci delle società concessionarie con utili milionari e dovere subire ogni anno dei blocchi di circolazione dannosi soltanto perché le stesse non garantiscono la libera circolazione".
Infine, l'associazione dell'autotrasporto chiede l'abolizione del Comitato Neve o, almeno, interventi del Governo che garantiscano in caso di maltempo la libera circolazione dei veicoli. "Non è con i divieti e i blocchi che si risolvono i problemi, ma trovando gli accorgimenti adeguati per garantire a questo Paese infrastrutture e gestione delle stesse adeguate per affrontare basse temperature e nevicate anche a bassa quota. La garanzia della mobilità delle merci e delle persone sono essenziali per un Paese moderno che vuole essere competitivo a livello europeo e mondiale", conclude Baumgartner.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1125

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed