TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Secondo Anita decontribuzione non serve a grandi imprese

E-mail Stampa PDF

L'associazione confindustriale dell'autotrasporto afferma che la decontribuzione degli autisti che svolgono trasporto internazionale non aiuta le imprese strutturate a combattere il dumping sociale. E chiede di non ridurre le risorse al settore.


Autista Actros autostrada autovetture MercedesDopo la circolare dell'Inps che spiega come attuare la decontribuzione degli autisti che svolgono almeno cento ore di autotrasporto internazionale, Anita non si dichiara soddisfatta di questo provvedimento perché, come afferma il presidente Thomas Baumgartner, ha effetti "ridotti e in molti casi nulli per le imprese strutturate con dipendenti più esposte al rischio della delocalizzazione".
Il problema, secondo Anita, è che la decontribuzione è soggetta al limite del de minimis, ossia non vale se l'impresa ha ricevuto più di 100mila euro in tre anni di benefici pubblici in varie forme. "Come da tempo richiediamo occorre che il ministero dei Trasporti chieda a Bruxelles l'autorizzazione per riconoscere la decontribuzione anche al di fuori del de minimis, altrimenti le imprese italiane continueranno a perdere quote di mercato e il fenomeno della delocalizzazione delle flotte continuerà a verificarsi a danno del Paese".
Baumgartner interviene anche sull'emendamento approvato dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato che sposta 150 milioni in tre ani dai fondi per l'autotrasporto al trasporto marittimo: "Non possiamo accettare ulteriori tagli alle risorse destinate al settore". Quindi, Anita chiede al Governo di "porvi rimedio nel prosieguo dell'iter parlamentare di approvazione, ed evitare che vengano a mancare risorse che finora si sono dimostrate strategiche per lo sviluppo del settore".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 932

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed