TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Anita chiede modifiche revisione camion

E-mail Stampa PDF

Il presidente dell'associazione dell'autotrasporto scrive al ministro dei Trasporti evidenziando i punti critici per il settore nelle novità introdotte dalla Motorizzazione alle procedure di revisione periodica.


Officina meccanico diagnostica computer Renault AutocarIl 4 aprile 2017 entreranno in vigore le nuove procedure per la revisione periodica dei veicoli industriali con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate, prescritte dalla Motorizzazione Civile. Alcune di queste novità sono contestate dalle associazioni degli autotrasportatori, che le ritengono onerose. Dopo la presa di posizione della Confartigianato Trasporti, è intervenuta anche Anita con una lettera scritta dal suo presidente Thomas Baumgartner al ministro dei Trasporti, Graziano Delrio.
Il primo punto critico per Anita è l'obbligo del pre-collaudo, che il titolare del veicolo deve svolgere in un'officina per controlli in punti che richiedono lo smontaggio di parti. "Benché le imprese di autotrasporto svolgano regolarmente attività di manutenzione dei veicoli e li sottopongano sistematicamente a revisione come disposto dalle norme sul requisito dello stabilimento, i nuovi obblighi determinano un blocco delle prenotazioni delle sedute di revisione e aggravano l'operatività degli UMC poiché sono stati allungati i tempi di revisione per il singolo mezzo per cui è necessario un maggior numero di sedute", scrive Baumgartner.
Anita sottolinea anche che le imprese di autotrasporto sono penalizzate dall'insufficiente numero di revisioni fuori-sede (della Motorizzazione), ossia quelle svolte presso officine autorizzate oppure nelle sedi stesse delle aziende che hanno l'attrezzatura adeguate. Una situazione che penalizza soprattutto il trasporto internazionale, che ha necessità di tempi più rapidi per la revisione.
Per questi motivi, Anita ha chiesto la sospensione delle nuove disposizioni, "anche in considerazione del recepimento della Direttiva sulla revisione dei veicoli (2014/45) che dovrà avvenire entro il 20 maggio 2017, affinché le imprese del settore possano adempiere agli obblighi previsti dalla legge e al fine di poter chiarire la tematica". L'associazione chiede anche di accelerare la terziarizzazione della revisione con l'ingresso di operatori privati anche nel campo dei veicoli pesanti "così da consentire alle imprese di autotrasporto di poter scegliere liberamente dove effettuare la revisione obbligatoria".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 2632

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed