TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Unatras vuole riaprire il Tavolo Autotrasporto

E-mail Stampa PDF

Dopo la pausa forzata causata dal referendum, dall'insediamento del nuovo Governo e dalle vacanze natalizie, l'unione degli autotrasportatori chiede un incontro alla sottosegretaria ai Trasporti per affrontare diversi nodi.


Tavolo punto interrogativoFine della tregua: Unatras torna alla carica col Governo per riprendere la discussione su diversi temi che sono rimasti in sospeso durante l'autunno, spedendo una lettera alla riconfermata sottosegretaria ai Trasporti, Simona Vicari. In particolare, l'unione dell'autotrasporto pone sul tavolo quattro temi. Il primo è l'attivazione, ancora relativa al 2016, della decontribuzione promessa per gli autisti che svolgono trasporti internazionali. Per attuarla è necessaria una circolare ministeriale, più volte annunciata ma mai emanata.
Il secondo tema è un'emergenza emersa all'inizio dell'anno nel trasporto eccezionale. Unatras rileva una "sostanziale paralisi" di quest'attività dovuta all'atteggiamento degli enti proprietari delle strade che, dopo il grave incidente avvenuto sulla Statale 36 il 28 ottobre 2016, non si assumono più la responsabilità di rinnovare e rilasciare le autorizzazioni ai trasporti eccezionali per massa.
Unatras pone all'ordine del giorno altre due emergenze apparse il 1° gennaio. La prima riguarda le norme sui divieti di circolazione dei veicoli con massa superiore a 7,5 tonnellate che da quest'anno non permettono più la deroga di due ore all'inizio e alla fine dei divieti per i veicoli che s'imbarcano per e dalla Sicilia sullo Stretto di Messina. Secondo l'unione, le difficoltà che avevano istituito la deroga gli scorsi anni non sono terminate e quindi rimangono lunghi tempi d'attesa per l'imbarco.
Il quarto tema riguarda le nuove misure contro il dumping sociale attuate dall'Austria, che impongono alle imprese di autotrasporto straniere che caricano, scaricano o compiono cabotaggio nel Paese di presentare una dichiarazione sulla retribuzione degli autisti, che non deve essere più bassa del minimo salariale austriaco. Le associazioni non contestano il provvedimento in linea di principio, ma ritengono che che alcuni adempimenti – come la tradizione in tedesco della busta paga e del bonifico di accredito dello stipendio – appaiono "sproporzionati rispetto all'obiettivo della norma di combattere il dumping sociale".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1361

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed