TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Salario minimo per autisti stranieri anche in Francia

E-mail Stampa PDF

Durante la discussione parlamentale della Legge Macron sullo sviluppo economico, è stato approvato un emendamento del Governo impone le norme francesi del salario minimo anche agli autisti stranieri che svolgono autotrasporto internazionale o in regime di cabotaggio stradale.


Renault Trucks T autostrada Francia cartelliLa Francia prosegue la battaglia contro il cabotaggio illegale e il dumping sociale degli autisti. Dopo l'introduzione di pesanti sanzioni per i conducenti che svolgono il riposo settimanale sul camion – avvenuta nell'estate del 2014 – ora il Governo francese segue le orme di quello tedesco sull'applicazione delle norme salariali anche ai camionisti stranieri che viaggiano in Francia per svolgere trasporti internazionali o attività di cabotaggio.
Per ora la Legge – denominata Macron nel nome del ministro che la ha presentata lo scorso 10 dicembre – è in fase di discussione all'Assemblea Nazionale. Il testo prevede una serie di provvedimenti per favorire lo sviluppo delle imprese e aumentare il potere d'acquisto dei cittadini. Durante il dibattito parlamentare, lo stesso Governo ha presentato un importante emendamento sull'autotrasporto, che impone l'applicazione del Salaire minimum interprofessionnel de croissance (Smic), ossia del salario minimo obbligatorio, anche agli autisti dei camion stranieri. Tale salario corrisponde a 9,61 euro lordi all'ora. Se la Legge sarà approvata, non avrà un'applicazione immediata, perché prevede l'emanazione di regolamenti attuati che ne definiscano le modalità operative.
Le associazioni degli autotrasportatori francesi Fntr, TLF e Unostra ritengono questa una "misura di protezione del mercato". Esse sottolineano come questo emendamento sia la risposta del Governo ad due problemi sollevati da tempi dagli autotrasportatori, ossia la scarsa competitività delle imprese francesi e la distorsione della concorrenza operata da vettori stranieri. Ma, aggiungono le tre associazioni, per risolvere veramente tali problemi bisogna intervenire a livello comunitario.
In concreto, le sigle dell'autotrasporto francese chiedono due interventi: ridefinire le regole del cabotaggio stradale e "aprire una riflessione" sui lavoratori che hanno un'elevata mobilità. Sul cabotaggio, Fntr, TLF e Unostra chiedono un'ulteriore limitazione al numero e alla durata dei trasporti concessi ai vettori stranieri. "Queste misure devono essere completate con azioni concrete sulla competitività delle imprese francesi di autotrasporto", conclude la nota delle associazioni.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 6988

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed