TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

A novembre 2018 camion leggeri e pesanti in calo

E-mail Stampa PDF

Le immatricolazioni di veicoli industriali e commerciali nel penultimo mese di quest'anno mostrano una flessione e inducono a previsioni negative per il 2019.


Truck store insegna bnLe immatricolazioni di veicoli commerciali con massa complessiva fino a 3,5 tonnellate di novembre sono state 18.897 e hanno registrato un calo del 6% rispetto alle 20.101 immatricolate nello stesso mese del 2017. Il periodo gennaio-novembre 2018 segna circa 161.930 immatricolazioni, con una flessione del 5,2% rispetto alle 170.822 rilevate nei primi undici mesi del 2017. In generale, nei primi dieci mesi del 2018 si nota un grande calo delle vendite a privati che hanno perso il 7,7% (con 30.902 unità) e 0,5 punti percentuali di quota. Flessione che coinvolge anche le società (-6,7% sullo stesso periodo dello scorso anno e in calo anch'esse dello 0,5%). Ancora in flessione il noleggio dell'1,2% nei primi dieci mesi dell'anno in corso, che pesa per il 48,2% del mercato totale.
Il mercato dei veicoli pesanti con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate a novembre ha segnato una diminuzione del 5,5% rispetto allo stesso periodo del 2017, con 2.085 unità immatricolate contro 2.207. Il totale dei primi undici mesi del 2018 resto comunque positivo (+9,4%) rispetto allo stesso periodo del 2017 (23.181 immatricolazioni contro 21.196). Nel comparto dei veicoli pesanti con massa totale a terra uguale o superiore a 16 tonnellate, a novembre si è ancora registrata una perdita del 9,8% rispetto al novembre del 2017 (1.665 unità immatricolate contro 1.845). Il totale del periodo gennaio-novembre 2018 cresce del 9,6% rispetto allo stesso periodo del 2017 (18.719 immatricolazioni contro 17.078). Il 2018 chiuderà comunque in crescita per gli autoarticolati (+9,6), mentre per i veicoli commerciali il calo è confermato anche sugli undici mesi (-5,2%).
Dai dati delle ricerche Unrae presentate il 29 novembre scorso, l'Italia, quinto Paese esportatore nel mondo, si trova al 19° posto nella classifica delle prestazioni logistiche e ha visto le sue imprese di autotrasporto ridurre del 75% la presenza sulle rotte internazionali. Dal 2008 l'occupazione del settore in Italia è diminuita di 135mila addetti e la finanza pubblica ha perso 105 milioni di euro in termini di sola IPT (imposta provinciale di trascrizione), mentre i costruttori di veicoli industriali nello stesso periodo hanno visto diminuire il loro fatturato di 1,5 miliardi di euro.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1582

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed