TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Furgoni in calo a ottobre 2016

E-mail Stampa PDF

Le immatricolazioni dei veicoli commerciali con massa complessiva fino a 3,5 tonnellate flette del 16% su base annuale, proseguendo una tendenza emersa già nel mese precedente.


Mercedes Vito stradaSecondo i dati forniti dall'Unrae, a ottobre in Italia sono stati immatricolati 17.313 veicoli commerciali (ossia con massa complessiva fino a 3,5 tonnellate), segnando un calo del 15,8% rispetto alle 20.569 unità dell'ottobre 2017. I primi dieci mesi hanno sommato 143.406 immatricolazioni, mostrando una flessione del 4,9% rispetto alle 150.720 immatricolazioni del periodo gennaio-ottobre 2017. Sono tutti dati che portano al ribasso la previsione per l'anno in corso: 185.000 immatricolazioni, con 9000 unità (-4,8%) rispetto alle 194.267 del 2017. Nei primi nove mesi del 2018 l'unico canale a mantenere un saldo positivo rispetto al periodo gennaio-settembre 2017 è stato il noleggio, che ha registrato +4,0% (con 38.069 immatricolazioni e una quota del 30,3%), grazie al +10,1% del breve termine e al +3,2% del lungo termine.
Il problema è 'antico' quasi come il parco parco circolante dei veicoli commerciali, che al 30 giugno contava 3.795.000 unità su strada, con una quota di veicoli ancora rispondenti alle Direttive di emissione ante Euro 4 pari al 52,3%, quindi con più di dodici anni di anzianità. La decisione di prendere iniziative immediate e concrete per il rinnovo del parco appare sempre più impellente e necessaria dato che si tratta di veicoli da lavoro che quotidianamente trasportano merci anche ad uso alimentare, medicinale e veterinario. Per quanto riguarda il tipo di carburante, le stime (che però comprendono anche le auto) confermano la tendenza in flessione del diesel, che a ottobre segna un -4,2% con 116.535 immatricolazioni e perde quasi un punto percentuale rispetto allo scorso anno, attestandosi ora sul 92,6%. Incremento a doppia cifra per il metano (+13,3%) e per le ibride (+19,4%) che rappresentano rispettivamente il 2,5% e lo 0,3%. Guadagna 0,2 punti percentuali la benzina con un +8,4% e una quota del 2,3%.

Massimiliano Barberis

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 2167

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed