TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

DB Schenker soddisfatta dell’esoscheletro nell’intralogistica

E-mail Stampa PDF

Esoscheletro DbSchenker operatoreLa società del Gruppo Deutsche Bahn ha compiuto in modo positivo la sperimentazione di questo ausilio per i lavoratori in alcuni impianti della logistica e valuta il suo inserimento nel lavoro quotidiano.


I robot non prenderanno il posto dei lavoratori nei centri logistici della tedesca DB Schenker, ma daranno una mano, anzi una spinta, nel vero senso del termine, al personale. Si è chiuso con successo un ciclo di sperimentazione con l'utilizzo di esoscheletri in diverse sedi logistiche della società, divisione delle ferrovie tedesche Deutsche Bahn. Gli esoscheletri, conosciuti anche come robot di supporto, sono delle strutture elettromeccaniche trasportate sul corpo, una sorta di protesi di rinforzo, adatte a favorire i movimenti di sollevamento e rotazione, tipici della gestione dei magazzini logistici. In questo modo vengono protette le vertebre lombari e i muscoli della schiena. Chi lavora a lungo nella logistica rischia di accusare disturbi alle articolazioni che possono arrivare anche all'impossibilità di proseguire nell'attività.
Il progetto pilota era focalizzato sulla raccolta ordini e il sequenziamento di pacchi fino a 15 chili. I dipendenti dotati di un esoscheletro hanno rimosso i pacchi dagli scaffali di stoccaggio e poi li hanno posizionati su pallet. I giudizi raccolti tra i dipendenti di DB Schenker dopo il test sono stati positivi a conferma che ambienti di lavoro ergonomicamente ottimali insieme all'ausilio di supporti robotizzati possono alleviare la fatica e migliorare la salute degli operatori. Ora DB Schenker sta valutando se includere definitivamente questi supporti nella propria attività logistica. Anche in magazzini altamente automatizzati i dipendenti sono ancora indispensabili per molte attività, come togliere un collo dal suo imballaggio o suddividere un pallet. Mentre le operazioni di sollevamento vengono eseguite da carrelli elevatori o sistemi elevatori robotizzati, la gestione dei singoli colli è ancora troppo complessa per la tecnologia di controllo delle macchine. In questo caso un esoscheletro che combina la potenza della macchina con la competenza umana, può fornire una soluzione da valutare con attenzione.

Piermario Curti Sacchi

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 945

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed